Testata per la stampa

Contraccezione di emergenza

Contraccezione continuativa dopo la contraccezione di emergenza

 
 

DISPOSITIVO INTRAUTERINO (IUD)

L'inserimento di IUD come contraccettivo di emergenza (CE) fornisce anche una protezione contraccettiva a lungo termine, ovvero per la durata prevista dal dispositivo scelto (generalmente di 5 anni per quelli disponibili in Italia).
La linea guida inglese ci ricorda che se uno IUD contenente almeno 300 mm2 di rame Ŕ inserito oltre i 40 anni, la sua efficacia Ŕ duratura fino alla menopausa (considerando 1 anno di amenorrea per le donne di etÓ superiore a 50 anni e 2 anni di amenorrea in donne di etÓ inferiore a 50 anni) [1].

 

ULIPRISTAL ACETATO (UPA)

Il tempestivo inizio di una contraccezione ormonale continuativa (pillola estro-progestinica, pillola solo progestinica o impianto sottocutaneo) Ŕ raccomandato dopo la CE insieme all'esecuzione di test di gravidanza dopo 21 giorni dall'assunzione, per escludere un eventuale fallimento della stessa [2].
╚ importante ricordare che la maggior parte delle donne andrÓ incontro ad ovulazione ritardata dopo assunzione di UPA e sono quindi a rischio di gravidanza in caso di un successivo rapporto non protetto [2].
╔ dimostrato che l'assunzione immediata di pillola a base di solo progestinico dopo l'utilizzo di UPA riduce l'efficacia farmacologica di UPA come CE. Non sono disponibili studi riguardo all'effetto dei contraccettivi estro-progestinici e dell'impianto sottocutaneo al progesterone su tale effetto. Sulla base di tali prove, la linea guida inglese [2] raccomanda che ogni contraccezione ormonale contenente progestinici sia ritardata di 5 giorni e che sia osservata l'astensione da rapporti non protetti per il periodo necessario perchÚ la contraccezione continuativa raggiunga l'efficacia (vedi tabella di seguito).
Si raccomanda di non inserire IUD medicato (LNG-IUS) prima di poter ragionevolmente escludere la possibilitÓ di gravidanza [1].

 

LEVONORGESTREL (LNG)

Il tempestivo inizio di una contraccezione ormonale continuativa (pillola estro-progestinica, pillola solo progestinica o impianto sottocutaneo) Ŕ raccomandato dopo la CE insieme all'esecuzione di test di gravidanza dopo 21 giorni dall'assunzione, per escludere un eventuale fallimento della stessa.
La contraccezione ormonale pu˛ essere iniziata immediatamente dopo l'assunzione di LNG senza alterarne l'efficacia. ╚ necessario evitare rapporti non protetti fino all'instaurarsi dell'efficacia del contraccettivo (vedi tabella di seguito).
Si raccomanda di non inserire IUD medicato (LNG-IUS) prima di poter ragionevolmente escludere la possibilitÓ di gravidanza [1].

 

Durata della necessaria contraccezione addizionale dopo l'inizio della contraccezione ormonale

Adattato da Faculty of Sexual and Reproductive Healthcare of the Royal College of the Obstetricians and Gynaecologists (FSRH). CEU clinical guidance: emergency contraception[1]

Adattato da Faculty of Sexual and Reproductive Healthcare
of the Royal College of the Obstetricians and Gynaecologists (FSRH).
CEU clinical guidance: emergency contraception[1]

 

Bibliografia

1. Faculty of Sexual and Reproductive Healthcare of the Royal College of the Obstetricians and Gynaecologists (FSRH). CEU clinical guidance: emergency contraception. London: RCOG, 2017 [Testo integrale]. Ultimo accesso 04.07.2017
2. Faculty of Sexual and Reproductive Healthcare of the Royal College of the Obstetricians and Gynaecologists (FSRH). Intrauterine contraception. London: RCOG, 2015 [Testo integrale]. Ultimo accesso 04.07.2017

 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito