1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Prescrizione di farmaci in gravidanza

La cocaina è teratogena?

Per lungo tempo la cocaina Ŕ stata inclusa nella lista degli agenti teratogeni, tanto da coniare il termine baby crack per i neonati con difetti congeniti da madri esposte in periodo prenatale a questa sostanza.

Una revisione sistematica di tutti gli studi pubblicati dal 1984 a ottobre 2000 non conferma questa ipotesi [1].
Dalla analisi dei dati estratti da 74 studi - e riguardanti gli effetti dell'esposizione prenatale alla cocaina sulla crescita fisica e neurofisiologica (capacitÓ nel linguaggio e motorie, attenzione e comportamento) - gli autori concludono che la cocaina non pu˛ essere ritenuta la causa principale di difetti congeniti. Molti dei disturbi riscontrati nei neonati - e attribuiti in passato all'uso prenatale della cocaina - sono probabilmente legati ad altri fattori associati a questo abuso (stile di vita, tabacco, alcool, ecc.).

Nei commenti a questo studio [2-3] emerge la preoccupazione che risultati del genere vengano recepiti come un consenso al consumo di cocaina in gravidanza e viene criticata la rigiditÓ dei criteri di inclusione, che ha portato ad escludere dall'analisi finale alcuni studi con disegno retrospettivo.

Le conclusioni di questa revisione sistematica [1], metodologicamente corretta, sono coerenti con i risultati di una precedente metanalisi [4] che non conferma l'ipotesi della cocaina come agente teratogeno.



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna