1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Non da Sola. La Cartella della Gravidanza della Regione Emilia-Romagna

Nel secondo trimestre

13-27 Settimane di gestazione

 

Durante gli appuntamenti di questo trimestre la donna viene invitata a descrivere il proprio stato di salute: il medico o l'ostetrica rispondono alle domande e chiariscono i dubbi, discutono i risultati degli esami e dell'assistenza che viene offerta in questo trimestre, proponendo i controlli necessari. In generale in questo periodo:

  • viene controllata la pressione arteriosa;
  • a partire da 24 settimane si verifica che il feto stia crescendo in modo adeguato attraverso una valutazione dell'aumento della dimensione dell'utero (misurazione della distanza sinfisi pubica-fondo uterino con un metro a nastro);
  • se non si è immuni, verrà proposto un esame del sangue per rosolia e toxoplasmosi;
  • se si è in una categoria a rischio per il diabete, viene offerto un esame del sangue specifico (curva da carico di glucosio);
  • se gli esami del sangue mostrano che il livello di emoglobina è inferiore a 10,5 g/100 ml, può essere indicata una terapia;
  • viene proposta una ecografia (detta comunemente "morfologica") per la diagnosi di eventuali anomalie del feto, da eseguire fra 19 e 21 settimane(vedi scheda informativa sulla "Diagnosi prenatale").
 

Alle donne che all'inizio della stagione influenzale (ottobre-dicembre) si trovano al secondo e terzo trimestre di gravidanza viene offerta gratuitamente dal Servizio Sanitario la vaccinazione anti-influenzale (vedi scheda informativa "vaccinazioni e gravidanza").
Inoltre si ricevono informazioni sui corsi di accompagnamento alla nascita e si inizia a parlare del travaglio e del parto (vedi scheda informativa sulle "Scelte per il parto").
Infine, durante le visite programmate:

  • verrà valutata l'eventuale presenza di problemi di salute mentale (depressione, schizofrenia, tossicodipendenza...) e il benessere psico-emotivo della coppia;
  • sono offerte informazioni sugli effetti dannosi su madre e bambino della violenza domestica e indicazioni sui servizi / associazioni del territorio in cui trovare supporto e aiuto (vedi scheda informativa "benessere psico-fisico").
 

I controlli proposti

ESAMI DEL SANGUE
Emocromo. È l'unico esame valido per lo screening dell'anemia in gravidanza. È richiesto ad ogni trimestre.
Glicemia - Curva da carico. Questo esame viene proposto alle donne che sono a rischio di sviluppare il diabete gestazionale sulla base della presenza di alcuni fattori di rischio (obesità o sovrappeso, diabete gestazionale in una gravidanza precedente, storia familiare di diabete, età superiore a 35 anni, essere originaria di paesi dell'Asia meridionale, in particolare India, Bangladesh, Pakistan, Caraibi, Medio-Oriente). Nel corso dell'esame viene inizialmente controllata la glicemia a digiuno con un prelievo. Si viene poi invitate a bere un bicchiere di acqua in cui è sciolta una notevole quantità di zucchero. La glicemia viene quindi ricontrollata dopo 60 e 120 minuti. Complessivamente l'esame dura circa 2 ore.

ESAMI PER MALATTIE  INFETTIVE
Rubeo-Test (Rosolia). Da ripetersi nel 2° trimestre in caso di negatività (Vedi "Controlli proposti nel primo trimestre").
Toxo-Test (Toxoplasmosi). Vedi "Controlli proposti nel primo trimestre".

ESAME DELLE URINE. Utile per la diagnosi delle infezioni urinarie in gravidanza e per rilevare l'eventuale presenza di proteine nell'urina. È raccomandato a ogni trimestre.

ECOGRAFIA OSTETRICA MORFOLOGICA. L'ecografia morfologica viene effettuata fra la 19a e la 21a settimana e serve a diagnosticare l'eventuale presenza di alcune malformazioni congenite del feto, a valutarne la crescita, a valutare eventuali anomalie della quantità del liquido amniotico.

CONTROLLO DEL PESO. È indicatore di una corretta alimentazione e stile di vita.

CONTROLLO DELLA PRESSIONE. Esame indispensabile per diagnosticare un'eventuale ipertensione indotta dalla gravidanza, viene effettuato di routine ad ogni controllo.

MISURA FONDO-SINFISI. Si tratta di un controllo per verificare che la crescita del feto proceda in modo regolare. Si effettua misurando con un metro a nastro, cioè un comune metro da sarta, la distanza fra il fondo dell'utero (cioè il limite alto del pancione) e la sinfisi pubica (cioè il punto più basso della pancia).

 

 
 

Versioni multilingua

 
 
 


Data di pubblicazione: 18.09.2019

  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna