1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

CoVID-19 in gravidanza, parto e puerperio

 

Quali controlli nelle donne gravide positive?

 

In breve
In caso di infezione da SARS-CoV-2 durante la gravidanza vanno programmati controlli con monitoraggio della crescita fetale ogni 4-6 settimane.


 

Sulla base delle prove disponibili, coerentemente con le raccomandazioni di Royal College of Obstetricians and Gynaecologist e altre società scientifiche e agenzie di salute del Regno Unito [1], il documento regionale Nuovo coronavirus SARS-CoV-2. Indicazioni per le professioniste e i professionisti del percorso nascita della regione Emilia-Romagna [2] fornisce la seguente indicazione (che potrà essere aggiornata dipendentemente dall'evoluzione della situazione epidemiologica e della conseguente organizzazione dei servizi) per il monitoraggio e controllo delle donne gravide risultate positive al real time polymerase chain reaction (PCR) per SARS-CoV-2: in caso di infezione da SARS-CoV-2 durante la gravidanza vanno programmati controlli con monitoraggio della crescita fetale ogni 4-6 settimane [2].

La stessa raccomandazione, anche se con intervalli per il monitoraggio inferiori, di 2-4 settimane, è riportata nel più recente documento di indirizzo di ISUOG, in cui viene ribadita, inoltre, la necessità di adottare strette misure di igiene e disinfezione della sonda ecografica utilizzata in questi casi [3].

I pochi articoli che trattano il tema della gestione della donna in gravidanza positiva a SARS-CoV-2 generalmente partono dalla constatazione della gravità dell'evoluzione delle polmoniti virali in gravidanza, analogamente a quanto osservato in occasione delle epidemie da influenza H1/N1 nel 2009 e da coronavirus della SARS nel 2002/2003 e della MERS nel 2012 [4-9].

L'osservazione dei casi di donne che hanno partorito in queste settimane in Cina, tuttavia, mostra delle differenze: il decorso dell'infezione in donne in gravidanza non appare più grave di quello di donne di pari età non in gravidanza (due serie di nove donne gravide) [9]. Inoltre, nessuna morte è stata registrata per il complessivo gruppo di donne che si stima abbiano contratto SARS-CoV-2 in gravidanza (circa 100 donne al 5 marzo) [6].

Similmente a quanto già rilevato in corso di epidemia di SARS e MERS, non si rileva una trasmissione verticale del virus in nessuno dei casi osservati: anche la ricerca del virus nel liquido amniotico, sangue cordonale, tampone nasofaringeo del neonato, latte materno, non è mai risultata positiva [8-11]. Una possibile spiegazione della assenza di trasmissione verticale del virus è la scarsa presenza di recettori ACE2 a livello dell'interfaccia materno-fetale osservata in uno studio che ha analizzato 11 decidue, 5 placente e 6 dataset di cellule mononucleate da sangue periferico [12].

Ulteriori studi pubblicati fra 16 e 18 marzo confermano - su casistiche più ampie - la sostanziale benignità del decorso di infezione in gravidanza, sia per la donna che per il neonato [13,14].

 

Bibliografia

1. RCOG, Royal College of Midwives, Royal College of Paediatrics and Child Health, Public Health England and Health Protection Scotland. Coronavirus (COVID-19) infection and pregnancy. Version 3: 18 marzo 2020
2. Commissione consultiva tecnico-scientifica sul percorso nascita. Nuovo coronavirus SARS-CoV-2. Indicazioni per le professioniste e i professionisti del percorso nascita della regione Emilia-Romagna. Bologna, marzo 2020
3. Poon LC, et al. ISUOG Interim Guidance on 2019 novel coronavirus infection during pregnancy and puerperium: information for healthcare professionals. Ultrasound Obstet Gynecol. 11 marzo 2020
4. Chua MSQ, et al. From the frontlines of COVID-19 - How prepared are we as obstetricians: a commentary. BJOG 4 marzo 2020
5. Favre G, et al. Guidelines for pregnant women with suspected SARS-CoV-2 infection. Lancet Infect Dis 3 marzo 2020:S1473-3099(20)30157-2
6. Liang H, Acharya G. Novel corona virus disease (COVID-19) in pregnancy: What clinical recommendations to follow? Acta Obstet Gynecol Scand 5 marzo 2020 
7. Rasmussen SA, et al. Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) and Pregnancy: What obstetricians need to know. Am J Obstet Gynecol 24 febbraio 2020:S0002-9378(20)30197-6
8. Schwartz DA, Graham AL. Potential Maternal and Infant Outcomes from (Wuhan) Coronavirus 2019-nCoV Infecting Pregnant Women: Lessons from SARS, MERS, and Other Human Coronavirus Infections. Viruses 10 febbraio 2020;12:E194
9. Yang H, et al. Novel coronavirus infection and pregnancy. Ultrasound Obstet Gynecol 5 marzo 2020
10. Chen H, et al. Clinical characteristics and intrauterine vertical transmission potential of COVID-19 infection in nine pregnant women: a retrospective review of medical records. Lancet 12 febbraio 2020; S0140-6736(20)30360-3
11. Li Y, et al. Lack of Vertical Transmission of Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2, China. Emerg Infect Dis 2020;26(6)
12. Zheng QL, et al. Single-cell RNA expression profiling of ACE2 and AXL in the human maternal-Fetal interface. Reprod Development Med 18 febbraio 2020
13. Schwartz DA. An Analysis of 38 Pregnant Women with COVID-19, Their Newborn Infants, and Maternal-Fetal Transmission of SARS-CoV-2: Maternal Coronavirus Infections and Pregnancy Outcomes. Arch Pathol Lab Med 17 marzo 2020 
14. Mullins E, et al. Coronavirus in pregnancy and delivery: rapid review.Ultrasound Obstet Gynecol 17 marzo 2020



Data di pubblicazione: 23.03.2020

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna