1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Acido folico

A cosa serve

Un apporto esogeno in epoca periconcezionale di folati previene l'insorgenza o la ricorrenza di difetti del tubo neurale (DTN). Si definisce occorrenza la comparsa di DTN in figli di donne che non hanno avuto in precedenza figli con DTN; ricorrenza la comparsa di DTN in donne che hanno in precedenza avuto un figlio con DTN. Questi risultati si ottengono, in diversa misura, sia con la supplementazione (assunzione di un supplemento di acido folico, oltre agli alimenti, da parte del singolo) che con la fortificazione (aggiunta di acido folico agli alimenti, per aumentare l'apporto di acido folico a tutta la comunità).

Prendendo in considerazione tutte le gravidanze (sia quelle senza precedenti patologici, sia quelle in donne che hanno in precedenza avuto un figlio con un DTN), una revisione sistematica di studi clinici controllati randomizzati ha stimato un odds ratio (OR) complessivo di 0.28 (95% IC 0.15-0.53), il che significa che per ogni 100 casi di DTN che si verificano nella popolazione non trattata (che non ha assunto acido folico) se ne contano 28 in donne che hanno assunto correttamente la supplementazione di acido folico.

L'OR è pari a 0.13 (95% IC 0.03-0.65) nella popolazione generale (senza precedenti patologici, occorrenza) e a 0.32 (95% IC 0.16-0.64) in donne a rischio per precedente feto affetto da DTN (ricorrenza) [1].

I primi studi relativi all'effetto preventivo dell'acido folico nei confronti dei difetti del tubo neurale (DTN) sono stati condotti negli anni '80, analizzando gli effetti della somministrazione di folati e multivitaminici in donne che avevano avuto una precedente gravidanza con feto affetto da DTN. Sintetizzando i risultati di studi clinici controllati randomizzati (RCT) e di studi di coorte con controlli, si stima una riduzione relativa del rischio di ricorrenza di DTN dell'ordine del 75%-80% [2-7] (tabella 1, in calce a questa pagina).

Oltre agli studi compresi nella revisione sistematica, sei studi caso controllo (condotti tra il 1988 e il 2002) evidenziano un effetto di basse dosi di acido folico (0.4-0.8 mg) nel ridurre l'incidenza di DTN (tabella 2, in calce a questa pagina). Di particolare rilevanza lo studio di intervento su popolazioni effettuato in Cina [8], nel quale la somministrazione di 0.4 mg di acido folico risulta associata ad una riduzione dei DTN di 41% nelle popolazioni a basso rischio (tasso di incidenza di DTN 1‰) e di 79% in quelle ad alto rischio (incidenza 5‰). Interventi di fortificazione con acido folico delle farine, attuati negli Stati Uniti [9], Canada Nova Scotia [10], Canada Ontario [11], Cile [12] e Costa Rica [13] mostrano una riduzione dell'incidenza di DTN rispettivamente di 23%, 54%, 49% ,37% e 35% in Paesi (salvo il Costa Rica) il cui il tasso di incidenza pre-fortificazione era attorno a valori dell'1-2‰.

Si può quindi stimare una riduzione dell'incidenza di difetti del tubo neurale di 40%-80% in caso di supplementazione con acido folico e di 20%-50% in caso di fortificazione.

 

Bibliografia

1. Lumley J, et al. Periconceptional supplementation with folate and/or multivitamins for preventing neural tube defects. Cochrane Database of Syst Rev 2001; (3): CD001056
2. Laurence KM, et al. Double-blind randomised controlled trial of folate treatment before conception to prevent recurrence of neural-tube defects. BMJ 1981;282:1509-11 [Medline]
3. MRC Vitamin Study Research Group. Prevention of neural tube defects: results of the MRC Vitamin Study. Lancet 1991;338:131-7 [Medline]
4. Central Technical Co-ordinating Unit, ICMR. Multicentric study of efficacy of periconceptional folic acid containing vitamin supplementation in prevention of open neural tube defects from India. Indian J Med Res 2000;112:206-11 [Medline] 
5. Smithells RW, et al. Further experience of vitamin supplementation for prevention of neural tube defect recurrences. Lancet 1983;1:1027-31 [Medline]
6. Vergel RG, et al. Primary prevention of neural tube defects with folic acid supplementation: Cuban experience. Prenat Diagn 1990;10:149-52 [Medline]
7. Kirke PN, et al. A randomised trial of low dose folic acid to prevent neural tube defects. The Irish Vitamin Study Group. Arch Dis Child 1992;67:1442-6 [Medline]
8. Berry RJ, et al., for the China-US Collaborative Project for Neural Tube Defect Prevention. Prevention of neural-tube defects with folic acid in China. N Engl J Med 1999;341:1485-90 [Medline]
9. Mathews TJ, et al. Spina bifida and anencephaly prevalence--United States, 1991-2001. MMWR Recomm Rep 2002;51:9-11 [Medline]
10. Persad VL, et al. Incidence of open neural tube defects in Nova Scotia after folic acid fortification. CMAJ 2002;167:241-5 [Testo integrale]
11. Ray JG, et al. Association of neural tube defects and folic acid food fortification in Canada. Lancet 2002;360:2047-8 [Medline]
12. Castilla EE, et al. Latin American Collaborative Study of Congenital Malformations (ECLAMC). Preliminary data on changes in NTD after folic acid fortification. Am J Med Genet 2003;123A:123-8 [Medline]
13. Chen LT, et al. The Costa Rican experience: reduction of neural tube defects following food fortification programs. Nutr Rev 2004;62:S40-3 [Medline]

 

 


Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna