Testata per la stampa

HIV

Quando eseguire lo screening prenatale?

Il test di screening per la ricerca dell'infezione nella donna in gravidanza si basa sulla ricerca degli anticorpi contro HIV 1 e 2 con metodo immunoenzimatico ed Ŕ raccomandato in tutte le donne alla prima visita prenatale e, nelle donne a rischio, anche nel terzo trimestre di gravidanza (<36a settimana).
Gli anticorpi si rilevano nel 95% dei pazienti a 3 mesi dall'infezione, un test di screening anticorpale negativo non esclude perci˛ una infezione recente.
Un eventuale test positivo va confermato con un test pi¨ specifico (Western blot o immunofluorescenza) prima di porre diagnosi di infezione.
Un test positivo va consegnato alla donna da un professionista preparato e la gravidanza seguita da un gruppo multidisciplinare comprendente ginecologo, ostetrica, pediatra, infettivologo ed eventualmente psichiatra.

Nelle donne HIV infette la valutazione dello stato di immunocompetenza Ŕ importante sia ai fini terapeutici che per una valutazione generale del rischio di trasmissione verticale al feto.
La progressione della malattia viene attualmente monitorata mediante la misura della carica virale (che quantifica la replicazione virale in numero di copie di RNA/ml) e la conta dei linfociti T helper CD4, le cellule preferibilmente attaccate e distrutte dal virus (un valore inferiore a 200x1.000.000/l comporta un alto rischio di infezioni opportunistiche e di evoluzione in AIDS).

Bibliografia

1. Public Health Service Task Force Recommendations for the Use of Antiretroviral Drugs in Pregnant HIV-1-Infected Women for Maternal Health and Interventions to Reduce Perinatal HIV-1 Transmission in the United States - June 16, 2003. [Testo integrale]
2. BHIVA Writing Committee on behalf of the British HIV association (BHIVA). BHIVA guidelines for the treatment of HIV-infected adults with antiretroviral therapy. HIV Med 2001;2:276-313. [Testo integrale]
3. Moore A L et al. HIV and pregnancy. The Obstetrician & Gynaecologist 2002;47:197-200. [Testo integrale]
4. Centers for Disease and Control and Prevention. Sexually transmitted diseases treatment guidelines 2002. MMWR 2002;51(RR06):1-80. [Testo integrale] 
4. Centers for Disease and Control and Prevention. Sexually transmitted diseases treatment guidelines 2002. MMWR 2002;51(RR06):1-80. [Riassunto]
5. Royal College of Obstetricians and Gynaecologists. Management of Genital HIV in Pregnancy, 2004. [Testo integrale]

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito