1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Toxoplasmosi

Prevenire l'infezione materna

La diversa sieroprevalenza osservata nelle popolazioni studiate sembra dipendere da fattori ambientali e da stili di vita. La prevenzione dell'infezione congenita dipende dalla prevenzione dell'infezione nella donna in gravidanza e quindi dall'adozione di strategie e comportamenti che riducono l'esposizione ai fattori di rischio. Il tipo di raccomandazioni proposte dai vari autori si equivalgono e possono essere riassunte in pochi e chiari consigli, schematizzati nella tabella allegata in calce alla pagina [1,2].

In Europa, come in altri paesi, si è osservato negli ultimi anni un declino della prevalenza dell'infezione, legato probabilmente al consumo di carni congelate o provenienti da animali allevati all'interno, con il conseguente aumento della proporzione di gestanti suscettibili all'infezione. I recenti avvenimenti hanno condotto ad un ulteriore cambiamento delle abitudini alimentari, con un maggior consumo di carne di maiale e pollame rispetto alla bovina, un maggior numero di animali allevati al pascolo (allevamenti biologici) e un maggior utilizzo di piatti pronti, con un possibile aumento dell'esposizione a fattori di rischio.

Uno studio multicentrico europeo [3], che ha coinvolto anche due centri italiani, ha cercato di identificare e valutare l'esposizione a fattori di rischio in una coorte di donne infettate in gravidanza, rispetto ai controlli.
 
I fattori di rischio maggiormente associati all'infezione sono stati:

  • il consumo di carne cruda o poco cotta bovina (odds ratio, OR 1.73, intervallo di confidenza, IC 1.1-7.2), ovina (OR 3.13, IC 1.4-7.2), o cacciagione (OR 4.12, IC 1.6-109)
  • il contatto con il terreno o il consumo di vegetali contaminati dal terreno (OR 1.9, IC 1.4-2.8)
  • i viaggi al di fuori di Europa, USA, Canada (OR 2.2, IC 1.3-3.6)

Evitare il consumo di carni crude o poco cotte potrebbe ridurre da solo il rischio d'infezione di 30-63%, evitare il contatto con il terreno di 6-17%.
 
Una più debole associazione è stata riscontrata con il consumo di salame e carne di maiale, la manipolazione di carne cruda nella preparazione dei pasti, bere latte non pastorizzato, il lavoro con gli animali. Benché in questo studio il contatto con i gatti non sia risultato un fattore di rischio significativo per l'infezione, le raccomandazioni riguardanti la convivenza con questi animali permangono.

Un ulteriore dato emerso è la scarsa informazione fornita alle donne nei centri di assistenza alla gravidanza. Nello stesso studio [3], le donne che non erano a conoscenza di nessun fattore di rischio per l'infezione rappresentavano il 2-51%, con differenze tra i vari centri.

Alla pagina Informazioni per le gestanti è disponibile un foglietto informativo in cui sono elencati i comportamenti efficaci nel ridurre il rischio di contrarre l'infezione.



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna