1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Toxoplasmosi

Screening prenatale

Lo screening prenatale per la toxoplasmosi esiste in Francia, Belgio, Svizzera, Austria con modalitÓ diverse (valutazione sierologica iniziale e controlli mensili o trimestrali nelle donne risultate sieronegative) [1]. In Italia la sierologia per la Toxoplasmosi Ŕ compresa negli esami previsti per il controllo della gravidanza dal decreto ministeriale del 1998 (G.U. 20/10/98).

Lo screening neonatale Ŕ attuato in Danimarca, Svezia, Brasile, Massachusetts (USA). Il costo di questa seconda modalitÓ di screening Ŕ stimato 1/10 di quello prenatale.

Lo screening non Ŕ raccomandato in Gran Bretagna [2], Norvegia, USA dove non lo si ritiene giustificato dal punto di vista costi-benefici.

Questi diversi indirizzi di politica sanitaria si basano su varie considerazioni [3,4]:
- la diversa prevalenza dell'infezione nelle popolazioni (variabile a seconda del clima, delle condizioni igieniche-sanitarie e delle abitudini alimentari);
- l'assenza di metodi diagnostici di infezione accurati (soprattutto la mancanza di standardizzazione per la PCR su liquido amniotico);
- la non provata efficacia dei vari regimi terapeutici;
- la mancanza di una valutazione dei possibili effetti negativi dello screening: l'utilizzo di tecniche invasive per la diagnosi prenatale, l'aborto di feti sani, lo stress per test sierologici falsamente positivi, gli effetti avversi dei farmaci utilizzati.

La raccomandazione attuale Ŕ che nei paesi dove non esiste un programma di screening, questo non dovrebbe essere introdotto prima di intraprendere attenti studi controllati locali [5,6].



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna