1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Pagina iniziale Servizio Sanitario Regionale dell'Emilia-Romagna Vai al sito del Servizio Sanitario Regionale dell'Emilia-Romagna
SaPeRiDoc - Centro di DOCumentazione per la SAlute PErinatale e RIproduttiva

Menu di sezione

Ultimo aggiornamento: 02.03.2007

Contenuto della pagina

Versione stampabile della pagina

Gonorrea e Chlamydia

Come trattare la Chlamydia in gravidanza

L'infezione da Chlamydia trachomatis in gravidanza è associata a complicazioni quali ritardo di crescita intrauterina (OR 2.5), parto pretermine (OR 1.6), rottura prematura delle membrane e endometrite postparto. L'infezione non trattata è stata associata ad aumentata frequenza di neonati di basso peso alla nascita e morte neonatale. L'infezione si può trasmettere verticalmente durante il parto con possibile congiuntivite, infezione delle vie aeree o polmonite nel neonato [1].

Il trattamento di una infezione genitale non complicata da Chlamydia trachomatis in corso di gravidanza può essere fatto con uno dei seguenti schemi terapeutici, dimostratisi egualmente efficaci [2-7]:

  • eritromicina 500mg quattro volte al dì per 7 giorni (l'eritromicina estolato è controindicata in gravidanza)
  • amoxicillina 500mg tre volte al dì per 7 giorni
  • azitromicina 1 g per via orale in monosomministrazione

Quest'ultimo antibiotico è considerato sicuro, efficace e di prima scelta, non in Gran Bretagna dove non è registrato per tale utilizzo.

Per verificare l'efficacia della cura, è indicata la ripetizione del test (PCR oppure LCR),va effettuata a distanza di almeno tre settimane dall'inizio della terapia (cinque settimane in caso di terapia con eritromicina), per evitare falsi positivi.

Alcune evidenze dimostrano che lo screening nelle donne in gravidanza asintomatiche a rischio di infezione può ridurre il tasso di complicanze [7].
Incerto è il momento in cui eseguire lo screening: effettuare il test nel primo trimestre di gravidanza potrebbe ridurre complicazioni quali il parto prematuro, effettuarlo nel terzo trimestre potrebbe prevenire la trasmissione dell'infezione al neonato.
Le raccomandazioni sull'argomento differiscono: alcune agenzie pubbliche o società scientifiche consigliano lo screening nel primo trimestre per tutte le gravide, altre solamente per le donne a rischio d'infezione (ad esempio di età <25 anni). Nella tabella Chlamydia: raccomandazioni per lo screening queste informazioni sono riportate nel dettaglio.