1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Nausea e vomito gravidici

L'iperemesi gravidica: un disturbo psicosomatico?

La presenza di nausea e vomito gravidici in forma lieve e moderata è da considerarsi fisiologicamente e statisticamente normale, mentre la presenza di sintomi gravi - come d'altro canto la totale assenza di disturbi - rappresentano probabilmente atipicità.

L'etiologia dell'iperemesi gravidica è ancora sconosciuta, varie sono le teorie invocate, ma incostantemente supportate da evidenze sperimentali.
I fattori endocrini che sembrano giocare un ruolo nella patogenesi sono la gonadotropina corionica (HCG), forse per la sua azione simile al TSH responsabile di una temporanea tireotossicosi, o l'estrogeno, che proprio nel primo trimestre raggiunge le più elevate concentrazioni.

Storicamente l'iperemesi gravidica è stata a lungo considerata un disturbo psicosomatico, espressione di tratti di personalità, cioè un disturbo di conversione.
Una complessa interazione di fattori biologici, psicologici e socioculturali sembra alla base dell'iperemesi gravidica, ma non esistono dati sperimentali che lo confermino.

Alcuni degli studi disponibili in letteratura suggeriscono che i disturbi più seri possano essere messi in relazione con processi psicodinamici patologici [1-3]. D'altro canto la comparsa di iperemesi gravidica può realisticamente scatenare disturbi di adattamento, ansia generalizzata o anche episodi depressivi in una gravida altrimenti normale, essere cioé il risultato piuttosto che la causa del disturbo [4,5].
Non sono disponibili studi controllati sull'efficacia della psicoterapia nell'iperemesi gravidica [4].

Vari fattori sono associati alla nausea e vomito in gravidanza, molti dei quali non modificabili [4]:

  • massa placentare aumentata (gravidanza molare avanzata o multipla)
  • feto femmina
  • anamnesi personale o familiare positiva per iperemesi gravidica
  • anamnesi positiva per cinetosi, emicrania
  • storia di nausea come effetto collaterale legato all'assunzione di estroprogestinici orali
  • bassa età materna
  • prima gravidanza
  • obesità
  • stress


Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna