1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Neoplasia cervicale in gravidanza

Lo screening in gravidanza

Il 30-40% delle donne cui viene diagnosticato un cancro cervicale si trova in età riproduttiva e il cancro cervicale è la neoplasia più frequentemente diagnosticata in gravidanza [1,2]. L'incidenza di anomalie dell'esame colpocitologico risulta 5-8% nelle donne gravide (analoga a quella registrata nella popolazione generale) e 1.2 % di queste presenterà un cancro cervicale [1-4].
Molte tecniche tradizionalmente raccomandate nella diagnosi e trattamento delle lesioni cervicali intraepiteliali (CIN, cervical intraepithelial neoplasia) nelle donne non gravide (colposcopia, biopsia cervicale, conizzazione con ansa diatermica) possono essere applicate alle donne gravide, con poche eccezioni.

La gravidanza rappresenta una eccellente opportunità per offrire lo screening citologico, una situazione da sfruttare soprattutto se si tratta di donne che non hanno mai eseguito tale esame. La raccomandazione di proporre un Pap test a tutte le gravide alla loro prima visita prenatale, se non eseguito nei 2 o 3 anni precedenti, è unanime [5-8].
La tecnica per l'effettuazione del Pap test non prevede variazioni: utilizzare sia la spatola di Ayre che il cytobrush per il prelievo endocervicale aumenta l'adeguatezza del campione senza indurre effetti avversi sulla gravidanza [8,9].

L'interpretazione del Pap test in gravidanza presenta alcune difficoltà specifiche, dovute ai cambiamenti fisiologici indotti dalla gravidanza. L'eversione della zona di trasformazione può causare metaplasia squamosa e la presenza di cellule deciduali (reazione di Arias-Stella), interpretabili come atipiche, possono aumentare i falsi positivi. Segnalare la condizione di gravidanza all'istopatologo riduce moltissimo gli errori di interpretazione del Pap test che ha infatti dimostrato un'accuratezza diagnostica equivalente nelle gravide rispetto alle non gravide [10,11].

Il follow up di un Pap test eseguito nel periodo prenatale e risultato nella norma non differisce da quello della popolazione generale. Nella donna con anamnesi negativa per precedente displasia o immunodeficienza e maggiore di 30 anni di età, la citologia può essere ripetuta a tre anni [12,13]. In assenza di cellule endocervicali il Pap test va ripetuto. L'esecuzione del Pap test nel postpartum va programmata ad almeno 6 settimane dal parto, vista la maggiore possibilità di falsi positivi nei test eseguiti più precocemente [13].

Bibliografia

1. Insinga RP, Glass AG, Rush BB. Diagnoses and outcomes in cervical cancer screening: A population-based study. Am J Obstet Gynecol 2004;191:105-13 [Medline]
2. Morimura Y, Fujimori K, Soeda S, et al. Cervical cytology during pregnancy—comparison with non-pregnant women and management of pregnant women with abnormal cytology. Fukushima J Med Sci 2002;48:27-37 [Medline]
3. Douvier S, Filipuzzi L, Sagot P. Management of cervical intra-epithelial neoplasm during pregnancy. Gynecol Obstet Fertil 2003;31:851-5 [Medline]
4. Cheng X, Bian X, Lang J, et al. Papanicolaou test in pregnancy. Zhongguo Yi Xue Ke Xue Yuan Xue Bao 2000;22:174-6 [Medline]
5. Department of Reproductive Health and Research RHR, World Health Organization. WHO Antenatal Care Randomized Trial: Manual for the Implementation of the New Model. WHO/RHR/01.30. Géneva:WHO;2002 [Testo integrale]
6. Haute Autorité de santé. Recommandations professionelles. Suivi et orientation des femmes enceintes en fonction des situations à risque identifiées. Saint-Denis La Plaine, Cedex:HAS;2007 [Testo integrale]
7. Centers for Disease and Control and Prevention. Sexually transmitted diseases treatment guidelines 2006. MMWR 2006;55(RR11):1-94 [Testo integrale]
8. Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma GISCI. Indicazioni per il prelievo citologico nello screening per il carcinoma cervicale 2008 [Testo integrale]
9. Stillson T, Knight AL, Elswick RK Jr. The effectiveness and safety of two cervical cytologic techniques during pregnancy. J Fam Pract 1997;45:159-63 [Medline]
10. Pisharodi LR, Jovanoska S. Spectrum of cytologic changes in pregnancy. A review of 100 abnormal cervicovaginal smears, with emphasis on diagnostic pitfalls. Acta Cytol 1995; 39:905-8 [Medline]
11. Michael CW, Esfahani FM. Pregnancy-related changes: A retrospective review of 278 cervical smears. Diagn Cytopathol 1997;17:99-107 [Medline]
12. Hunter MI, Monk BJ, Tewari KS.Cervical neoplasia in pregnancy. Part 1: screening and management of preinvasive disease. Am J Obstet Gynecol 2008;199:3-9 [Medline]
13. Wright TC Jr, Massad LS, Dunton CJ, Spitzer M, Wilkinson EJ, Solomon D; 2006 ASCCP-Sponsored Consensus Conference. Consensus Guidelines for the Management of Women with Abnormal Cervical Cancer Screening Tests. J Low Genit Tract Dis 2007;11:201-22.[Medline]



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna