1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Il taglio cesareo elettivo

Sproporzione feto·pelvica

Una revisione sistematica (RS) di studi clinici controllati randomizzati (RCT) condotti fra 1962 e 1993 ha mostrato che la pelvimetria clinica o radiologica aumenta il ricorso a taglio cesareo (TC) (4 RCT, 895 donne; odds ratio - OR 2.17, intervallo di confidenza - IC al 95%: 1.63-2.88) senza differenze negli esiti neonatali, come asfissia (1 RCT, 305 donne; OR 0.61, IC al 95%: 0.34-1.11), ricovero in unità di terapia intensiva neonatale (1 RCT, 288 donne; OR 0.13, IC al 95%: 0.01-2.16), deiscenza della precedente sutura uterina nelle donne con pregresso TC (2 RCT, 390 donne; OR 0.60, IC al 95%: 0.15-2.41) [1].

La linea guida elaborata dal Centro nazionale collaborativo per la salute materno-infantile (National collaborating centre for women's and children's health - NCC-WCH) del Regno Unito raccomanda di non utilizzare la taglia di scarpe, l'altezza materna o misurazioni fetali cliniche o ultrasonografiche nel predire un arresto del travaglio per sproporzione feto-pelvica, poiché due studi osservazionali ne hanno mostrato l'inutilità [2].



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna