Testata per la stampa

Rischi associati ai contraccettivi orali

La pillola aumenta il rischio vascolare arterioso?

I risultati degli studi condotti negli ultimi sette anni su contraccettivi orali (OC), infarto miocardico e attacco ischemico cerebrale sono conflittuali. Le stime variano da rischio relativo di 1 a rischio relativo compreso fra 2 e 5. Queste differenze sono probabilmente dovute a una maggiore prevalenza, negli studi con i rischi relativi maggiori, di fumatrici e di ipertese non diagnosticate o non trattate.

Un aumento considerevole (da 7 a pi¨ di 100) del rischio relativo di infarto miocardico e attacco ischemico cerebrale Ŕ stato osservato tra le utilizzatrici di CO che fumano o soffrono di ipertensione arteriosa.

E' stato proposto che il tipo di progestinico impegato possa modificare il rischio vascolare arterioso associato all'uso di CO. In realtÓ, quando la dose di estrogeni Ŕ inferiore a 50 mcg, il rischio di attacco ischemico non differisce fra le donne che assumono CO contenenti desogestrel o gestodene e le donne che assumono CO contenenti levonorgestrel o norethindrone [1].

Bibliografia

1. Petitti DB. Clinical practice. Combination estrogen-progestin oral contraceptives. Engl J Med 2003;349:1443-50 [Medline]

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito