1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina

Contraccezione di emergenza

Efficacia della contraccezione di emergenza ormonale

 

Levonorgestrel (LNG)
 
Una revisione sistematica (RS) [1] di 4 studi controllati randomizzati (RCT) condotti da World Health Organization  (WHO) ha valutato l'efficacia di 1.5 mg di LNG (singola dose o due dosi a distanza di 12 ore) assunto come contraccettivo d'emergenza (CE) entro 5 giorni da un rapporto a rischio. La metanalisi (4 RCT, n=6794 donne) mostra che il rischio di gravidanza non aumenta se LNG viene assunto in giornata 2 (odds ratio, OR: 0.68; intervallo di confidenza al 95%, IC 95%: 0.36, 1.28), in giornata 3 (OR:1.74; IC 95%: 0.94, 3.19) o in giornata 4 (OR: 0.87; IC 95%: 0.26, 2.89), rispetto all'assunzione in prima giornata. Se l'assunzione avviene in giornata 5 il rischio di gravidanza aumenta di quasi 6 volte (OR: 5.81; IC 95%: 2.87, 11.76), con una percentuale di gravidanze sovrapponibile a quella attesa (6%-8%) in assenza di CE. Per gli autori, questi dati suggeriscono che LNG possa essere efficace qualora assunto fino a 96 ore dal rapporto a rischio, ma che non c'è ancora certezza sulla sua capacità di prevenire una gravidanza quando somministrato tra 96 e 120 ore. 

Le linee guida di WHO [2] e di Royal College of Obstetricians and Gynaecologists (RCOG) [3] raccomandano comunque l'assunzione fino a 5 giorni dal rapporto a rischio anche se LNG come CE è registrato unicamente per la somministrazione entro 72 ore.


 
Levonorgestrel (LNG) e ulipristal (UPA) a confronto
 
Un RCT di non inferiorità [4] ha verificato che ulipristal acetato (UPA) non è meno efficace di LNG se assunto entro 72 ore dal rapporto a rischio (n=1969 donne; OR: 0.68; IC 95%: 0.35, 1.31) in una popolazione di donne che non utilizzavano un contraccettivo ormonale abituale.
 
Gli autori hanno combinato i risultati di questo studio con quelli di un precedente RCT di non inferiorità [5] che aveva coinvolto 1549 donne, condotto con gli stessi farmaci, assunti esclusivamente entro 72 ore dal rapporto a rischio. I risultati della metanalisi (n=3515 donne), corretti sulla base di una analisi di regressione logistica, mostrano - in misura statisticamente significativa, con valore superiore dell'intervallo di confidenza vicino all'unità - un tasso di gravidanze inferiore con UPA rispetto a LNG quando assunti entro 24 ore (OR:0.35; IC 95%: 0.11, 0.93) ed entro 72 ore (OR: 0.58; IC 95%: 0.33, 0.99), rispettivamente, dal rapporto a rischio [15].

I dati di questa metanalisi vanno interpretati con cautela:

  • entrambi gli studi non erano stati disegnati per dimostrare una maggiore efficacia di UPA rispetto a LNG, ma una sua non inferiorità
  • lo schema terapeutico e il dosaggio dei farmaci erano differenti: in uno studio [5] veniva confrontato LNG 0.75 mg in due dosi successive (a distanza di 12 ore) versus UPA 50 mg non micronizzato, nell'altro [4] LNG 1.5 mg in un'unica dose versus UPA 30 mg micronizzato
  • le perdite al follow-up non consentono di essere certi del numero reale di gravidanze occorse nei due gruppi
  • la metanalisi dell'assunzione a 120 ore deporrebbe per una maggiore efficacia di UPA (OR: 0.55; IC 95%: 0.32, 0.93), ma i dati tra 72 e 120 ore provengono da uno soltanto dei due RCT
  • dei 13 autori dello studio, cinque dichiarano di non avere conflitto di interesse; tre sono dipendenti della ditta che produce il farmaco e che ha finanziato lo studio, uno lo è stato e ne detiene azioni, quattro hanno ricevuto o ricevono finanziamenti dalla ditta

 
Sulla base di queste informazioni e dei loro limiti, al momento attuale non è possibile determinare quale dei due metodi sia più efficace nel prevenire una gravidanza indesiderata. Il prezzo di UPA è circa tre volte quello di LNG.

 

Bibliografia

1. Piaggio G. Effect of pregnancy rates of the delay in administration of levonorgestrel for emergency contraception: a combined analysis of four WHO trials. Contraception 2011;84:35-9 [Medline] 
2. World Health Organization (WHO). Medical eligibility criteria for contraceptive use. (Fourth edition). Geneva: WHO; 2009 [Testo integrale]. Ultimo accesso: 01.08.12
3. Royal College of Obstetricians and Gyneacologists (RCOG). Faculty of Family Planning and Reproductive Healthcare. Emergency Contraception. London: RCOG; 2011 (Updated January 2012) [Testo integrale]. Ultimo accesso: 01.08.12
4. Glasier AF et al. Ulipristal acetate versus levonorgestrel for emergency contraception: a randomised non-inferiority trial and meta-analysis. Lancet 2010;375:555-62 [Medline] 
5. Creinin M. Progesterone receptor modulator for emergency contraception: a randomized controlled trial. Obstet Gynecol 2006;108:1089-97 [Medline]



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna