1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Screening ecografico

Quando è indicata nel I trimestre?

Nella maggior parte delle linee guida pubblicate fino al 2003, nelle gravidanze a basso rischio l'ecografia del primo trimestre è indicata in condizioni circoscritte [1-3]:
- per la datazione della gravidanza quando l'ultima mestruazione è incerta o l'epoca di amenorrea non coincide con l'esame obiettivo (la datazione eseguita in questa epoca presenta una accuratezza di +/- sette giorni);
- per confermare il sospetto di una gravidanza ectopica, di una mola idatiforme o di una massa pelvica;
- in caso di sospetto aborto;
- prima di un intervento chirurgico (es. interruzione di gravidanza o posizionamento di cerchiaggio cervicale);
- durante una procedura diagnostica invasiva (prelievo di villi coriali, amniocentesi, riduzione selettiva di gravidanza plurima);
- per effettuare la misurazione della translucenza nucale, ma solo nell'ambito di un organizzato programma di screening della sindrome di Down comprendente counselling genetico e appropriati controlli di qualità.

Il Servizio sanitario inglese e il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists (RCOG) raccomandano invece l'esecuzione in gravidanza di due ecografie di routine entro la 24a settimana [4-5]. Anche il Servizio sanitario scozzese, nel suo rapporto di Technology assessment pubblicato nel 2004, valuta questo programma di screening come il più efficace per identificare anomalie fetali [6].

L'ecografia del primo trimestre andrebbe eseguita a 10-13 settimane di gestazione per:
- verificare la vitalità dell'embrione;
- stimare l'esatta epoca gestazionale;
- stabilire il numero dei feti e, in caso di gravidanza plurima, la corionicità/amnionicità;
- evidenziare le malformazioni maggiori, ad espressione precoce;
- effettuare, quando possibile, la misurazione della translucenza nucale, da associare sempre ai marcatori sierologici del primo trimestre (test combinato);
La datazione della gravidanza andrebbe effettuata tramite la misurazione della lunghezza vertice-sacro (crown rump lenght, CRL) fino alla 13a settimana e quella del diametro biparietale e/o della circonferenza cranica se oltre. La sua valutazione riduce la frequenza di induzioni del travaglio per gravidanze ritenute erroneamente oltre il termine.

Nel Regno Unito l'ecografia del primo trimestre rientra nei programmi di screening della sindrome di Down, offerti a tutte le donne indipendentemente dall'età, per effettuare la misurazione della translucenza nucale, ma anche, in caso si adotti un test sierologico, per la precisa valutazione dell' epoca gestazionale con conseguente aumento di efficacia del test (in questo caso è consigliata a 8-12 settimane, visto che l'accuratezza della stima ecografica dell'età gestazionale risulta inversamente proporzionale all'epoca di amenorrea) [7].



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna