Testata per la stampa

Infezione genitale da Chlamydia trachomatis

Quando e come eseguire il trattamento?

 

La terapia va eseguita:

 
  1. nei pazienti che presentano sintomi o segni riferibili ad infezione da Chlamydia trachomatis immediatamente, senza attendere il risultato del test di laboratorio
  2. nei soggetti asintomatici risultati positivi al test di screening
  3. in maniera presuntiva nei partner sessuali delle persone infette, anche senza aspettare un test di conferma
  4. in presenza di gonorrea genitale, come trattamento empirico per la significativa probabilitÓ di coinfezione (20-42%)
 

I regimi di trattamento raccomandati per l'infezione genitale da Chlamydia trachomatis non complicata sono [1-4]:
 

oppure

 

Una revisione sistematica di 12 studi clinici randomizzati controllati a breve termine ha dimostrato che una singola dose di azitromicina pu˛ essere altrettanto efficace di una terapia con doxiciclina per una settimana. Nella scelta dello schema terapeutico Ŕ comunque bene considerare la bassa compliance delle terapie prolungate [1].

In alternativa gli altri schemi terapeutici consigliati dai Centers for Disease and Control and Prevention sono [1]:

 

oppure

oppure

oppure

 

Questi due ultimi trattamenti non mostrano vantaggi e sono pi¨ costosi.

Per l'infezione nella donna in gravidanza: Come trattare la Chlamydia in gravidanza

Bibliografia

 1. Centers for Disease and Control and Prevention. Sexually transmitted diseases treatment guidelines 2010. MMWR 2010;59(RR12):1-110 [Testo integrale]
2. British Association of Sexual Health and HIV (BASHH). 2006 UK national guideline for the management of genital tract infection with Chlamydia trachomatis. London (UK): BASHH; 2006 [Testo integrale]
3. Scottish Intercollegiate Guidelines Network (SIGN). Management of genital Chlamydia trachomatis infection. A national clinical guideline n. 109. Edinburgh (Scotland): SIGN; 2009 [Testo integrale]
4. Public Health Agency of Canada. Canadian guidelines on sexually transmitted infections. Ottawa: Public Health Agency; 2010 [Testo integrale]

 

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito