1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Infezione genitale da Chlamydia trachomatis

Quale follow·up dopo il trattamento?

Non indicato eseguire di routine un test di controllo dopo il trattamento se la/il paziente ha eseguito correttamente tutto il ciclo di terapia raccomandato, se i sintomi sono regrediti e se non vi stata una nuova esposizione [1-4].
E' invece consigliato un test di controllo in caso i sintomi persistano, se lo schema terapeutico non stato rispettato o se si sospetta un rischio di reinfezione. A tale scopo l'agenzia sanitaria scozzese consiglia di documentarsi, mediante un'intervista al paziente - anche telefonica - sull'avvenuta adesione al trattamento e sul rischio di reinfezione [4].

Quando l'infezione riguarda una donna in gravidanza il test di controllo sempre raccomandato, per la minor efficacia dei regimi di trattamento utilizzabili e per le possibili sequele legate alla persistenza dell'infezione [1-4].

La ripetizione del test va effettuata a distanza di almeno 3 settimane dal completamento della terapia (alcune agenzie raccomandano cinque settimane) per evitare i falsi positivi legati alla presenza di microrganismi non vitali [1-4].

Visto l'alto tasso di reinfezione nei soggetti in cui la Chlamydia gi stata diagnosticata, raccomandata la ripetizione di un test di screening nel periodo successivo (3-12 mesi oppure anche prima in caso di nuovo partner) [1-4].



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna