1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Screening ecografico

Ecografia nel II trimestre per la S. di Down?

I markers ecografici di anomalie cromosomiche o soft markers (SM) sono alterazioni della morfologia fetale, rilevate ecograficamente nel 2° trimestre di gravidanza, che possono essere transitorie e che, di per sè, non hanno significato patologico, ma sono più frequentemente associate ad anomalie del cariotipo.
In letteratura c'è disaccordo sulla definizione, l'incidenza, il significato clinico, il tipo di counselling e i test diagnostici da programmare dopo aver rilevato uno o più SM.
Una revisione sistematica comparsa su JAMA [1] si propone di dare una risposta a questa domanda.
 
I SM più frequentemente studiati e rilevati sono:

  • Cisti dei plessi corioidei (CPC) 
  • Pielectasia renale lieve
  • Modesta dilatazione dei ventricoli cerebrali
  • Iperecogenicità intestinale 
  • Foci iperecogeni intracardiaci (ventricoli)
  • Anomalie biometriche del femore e omero (più corti)
  • Plica nucale ispessita

La revisione sistematica definisce e quantifica il valore di alcuni SM nell'individuare una popolazione di gravide a rischio di sindrome di Down.

  • La presenza di un soft marker isolato, evidenziata durante un esame ecografico nel secondo trimestre di gravidanza, non è utile per la identificazione dei feti affetti da sindrome di Down, né di quelli non affetti.
  • La sensibilità di SM isolati infatti varia da 1% a 16%, con una specificità di 95%. Quando, come in questo caso, il test ha una bassa sensibilità e la prevalenza della malattia che si vuole diagnosticare è bassa, la maggior parte dei feti con test positivo (99%) risulta sano.
  • L'utilizzo di SM isolati come indicatori per diagnosi prenatale invasiva (amniocentesi) induce ad un aumento del numero di feti sani perduti come complicanza delle procedura stessa.
  • In presenza di una popolazione selezionata, a rischio per età o per esito dei test biochimici, l'assenza di un SM isolato non è un indicatore a modificare il rischio per sindrome di Down e non deve indurre a rinunciare all'esame invasivo.
  • Gli studi relativi alla efficacia dello screening quando si consideri l'associazione di più SM o di un SM con un anomalia strutturale non sono supportati da dati statisticamente attendibili; pertanto l'accuratezza diagnostica di più parametri considerati insieme non è valutabile. 
  • La elevata sensibilità rilevata in alcuni studi appare più legata alla presenza delle anomalie strutturali che alla presenza di SM.
  • Poiché l'assenza di un SM non permette di escludere la presenza di sindrome di Down, sembra improbabile che l'assenza di più SM associati sia indicativa di una diminuzione del rischio.
  • L'unico marker significativamente correlato ad un aumento (17 volte superiore) del rischio per sindrome di Down è risultato essere uno spessore della plica nucale superiore a 6 mm. Tuttavia il test non può essere utilizzato per selezionare la popolazione a rischio (test di screening), poiché il reperto è presente in una minima percentuale di feti Down e perché il rapporto costo/beneficio non è rispettato: per ogni Down diagnosticato in una popolazione a basso rischio sono necessari almeno 15000 esami.
  • I SM sono trattati anche nel rapporto di Health Tecnology Assessment inglese [2].
 


Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna