Testata per la stampa

Screening ecografico

Ecografia in gravidanza: domande e risposte

L'ecografia è una tecnica non invasiva che in gravidanza permette di visualizzare il feto all'interno dell'utero. E' utilizzata molto frequentemente negli ospedali, nei poliambulatori e in molti studi medici privati. In una gravidanza senza fattori di rischio, in Italia, vengono usualmente eseguite tre ecografie, una per trimestre. Non esistono prove scientifiche che queste comportino rischi per la madre o per il feto.

Come si esegue l'ecografia?
Esistono due modalità per eseguirla: transvaginale con una sonda introdotta in vagina, oppure transaddominale con una sonda posta sull'addome. La scelta dipende dal momento della gravidanza in cui si effettua l'esame ecografico:

Quali informazioni fornisce l'ecografia nel primo trimestre?
L'ecografia durante la gravidanza fornisce informazioni diverse a seconda del momento della gravidanza. Nel primo trimestre consente di:

E nel secondo trimestre?
Nel secondo trimestre permette di:

E nel terzo trimestre?
Nel terzo trimestre di gravidanza l'esecuzione di una ecografia di routine, in assenza di fattori di rischio, non ha vantaggi per la madre o per il feto.
 
L'ecografia è attendibile per diagnosticare malformazioni congenite del feto?
L'attendibilità dell'ecografia nella diagnosi delle anomalie congenite fetali può variare in relazione a diversi fattori:

Per riconoscere con l'ecografia la presenza di malformazioni a carico del corpo fetale (variamente presenti nel 2-3% di tutti i neonati), si ritiene che l'epoca preferibile sia fra la 18a, la 22a settimana di gravidanza.
La scelta di questa epoca gestazionale dipende dal fatto che in questo periodo sono generalmente ben visibili tutti gli organi che si possono vedere e studiare con l'ecografia. Inoltre quando si diagnosticano malformazioni o anomalie fetali che possono determinare un grave pericolo per la salute fisica e psichica della madre, è possibile interrompere la gravidanza fino all'epoca in cui il feto non ha possibilità di vita autonoma.

Il riconoscimento di alcune particolari malformazioni prima della nascita può consigliare il monitoraggio della gravidanza e il parto in centri specializzati.

Si tenga inoltre presente che mediamente ogni 1.000-5000 ecografie eseguite in gravidanza viene formulata una diagnosi errata (falsamente positiva) di malformazione fetale. E' quindi sempre necessaria una successiva ecografia di controllo per confermare o escludere la presenza di malformazione.

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito