1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Mutilazioni genitali femminili

Per saperne di più

 
 
 

Confrontate con le donne senza MGF, le donne che avevano subito, secondo la classificazione WHO, MGF di tipo II (rimozione di clitoride e piccole labbra) o di tipo III (rimozione di parte o tutti i genitali esterni, con sutura o restringimento della vagina) hanno riportato un aumentato rischio relativo, RR, (aggiustato) per complicazioni del parto, rispettivamente: parto cesareo RR 1.29 (intervallo di confidenza al 95%, IC 95%: 1.09-1.52), RR 1.31 (IC 95%: 1.01-1.70); emorragia del post-partum RR 1.21 (IC 95%: 1.01-1.43), RR 1.69 (1.34-2.12); prolungato ricovero ospedaliero RR 1.51 (IC 95%: 1.29-1.76), RR 1.98 (IC 95%: 1.54-2.54); rianimazione neonatale RR 1.28 (IC 95%: 1.10-1.49), RR 1.66 (IC 95%: 1.31-2.10); mortalitÓ perinatale RR 1.32 (IC 95%: 1.08-1.62), RR 1.55 (IC 95%: 1.12-2.16); senza differenze statisticamente significative nel basso peso alla nascita RR 1.03 (IC 95%: 0.89-1.18), RR 0.91 (IC 95%: 0.74-1.11). La paritÓ non ha modificato significativamente questi rischi.

Questi risultati depongono per un rischio di esito avverso che aumenta quanto maggiormente Ŕ estesa la MGF.

 
  • Documenti di WHO e della societÓ scientifica degli ostetrici e ginecologi di Australia (Royal Australian College of Obstetricians and Gynaecologists, RACOG) hanno costituito i materiali di riferimento di un Progetto su Le mutilazioni genitali femminili nella popolazione immigrata, condotto nel quadro del Programma della Regione Emilia-Romagna finalizzato alla attivazione, alla gestione e alla riorganizzazione dei consultori. Questi documenti sono:
 

- WHO, World Health Organization. Department of Gender and Women's Health; Department of Reproductive Health and Research; Family and Community Health. Female Genital Mutilation. The Prevention and the Management of the Health Complications. Policy Guidelines for nurses and midwives. WHO/FCH/GWH/01.5; WHO/RHR/01.18 Geneva: WHO; 2001 [Testo integrale]

- WHO, World Health Organization. Management of pregnancy, childbirth and the postpartum period in the presence of female genital mutilation. Report of a WHO Technical Consultation. Geneva, 15-17 October 1997. WHO/FCH/GWH/01.2; WHO/RHR/01.13. Geneva: WHO; 1997

- RACOG - The Royal Australian College of Obstetricians and Gynaecologists. Female Genital Mutilation. Information for Australian health professionals. East Melbourne: The Royal Australian College of Obstetricians and Gynaecologists; 1997 [Testo integrale]

Il rapporto dell'indagine sulle mutilazioni genitali femminili comprende una vasta e articolata bibliografia.
Nella versione accessibile attraverso il link in calce a questa pagina, i riferimenti bibliografici includono - per tutti gli studi per cui era disponibile - un riassunto.

 


Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna