1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

I Registri nascita

Registri nascita del Nord Europa

Il primo registro medico delle nascite a livello nazionale è stato istituito in Norvegia nel 1967, allo scopo di raccogliere informazioni sulla mortalità e morbosità perinatali, sulle malformazioni congenite e di ottenere dati per scopi amministrativi. In seguito altri quattro Paesi del Nord Europa (Danimarca, Svezia, Finlandia, Islanda) e l'Estonia hanno introdotto registri simili nel loro sistema sanitario [1-13].

Sin dalla loro istituzione i registri nascite sono stati utilizzati in diverse ricerche epidemiologiche. In particolare vengono distinte tre principali aree di ricerca:

  • l'influenza di fattori sociali sulla gravidanza e sul parto;
  • l'influenza del periodo perinatale sulle gravidanze successive;
  • l'analisi di generazioni successive.
 

Alcuni studi epidemiologici sono basati solo sui dati del registro nascite, tuttavia la maggior parte delle ricerche ha richiesto l'integrazione di questi dati con quelli provenienti da altre fonti. Il collegamento tra dati appartenenti a registri diversi è reso possibile nei paesi nord europei dall'utilizzo di un unico codice di identificazione personale assegnato ad ogni residente.

Strategie per migliorare la qualità dei dati
L'esperienza dei paesi nord europei suggerisce che, per migliorare la qualità dei dati contenuti nel registro:

  • il numero delle variabili incluse nel registro deve essere limitato, per mantenere entro limiti ragionevoli i costi totali; il numero limitato delle variabili può essere compensato combinando i dati del registro con quelli di altre fonti;
  • è essenziale selezionare attentamente le variabili in modo tale che esse possano servire per più scopi;
  • il registro deve includere tutti i nati (completezza del registro);
  • la qualità dell'informazione deve essere almeno soddisfacente;
  • si devono garantire addestramento e formazione continua del personale che raccoglie le informazioni;
  • è necessario assicurare un dialogo fra produttori e utilizzatori dei dati, attraverso la pubblicazione di rapporti periodici; nel lungo periodo, infatti, l'elaborazione dell'informazione e la sua restituzione alle fonti stimola la produzione di flussi informativi di migliore qualità.

Bibliografia

1. Gissler M, Louhiala P, Hemminki E. Nordic Medical Birth Registers in epidemiological research. Eur J Epidemiol 1997;13:169-75 [Medline]
2. Kristensen J, Langhoff-Roos J, Skovgaard LT, Kristensen FB. Validation of the Danish Birth Registration. J Clin Epidemiol 1996;49:893-7 [Medline]
3. Cnattingius S, Ericson A, Gunnarskog J, Kallen B. A quality study of a medical birth registry. Scand J Soc Med 1990;18:143-8 [Medline]
4. Teperi J. Multi method approach to the assessment of data quality in the Finnish Medical Birth Registry. J Epidemiol Community Health 1993;47:242-7 [Medline]
5. Roed AS, Juhl C, Kamper-Jorgensen F. The Danish Prevention Register. A comprehensive health and socio-economic, individual based register. Dan Med Bull 1999;46:269-72 [Medline]
6. Piper JM, Mitchel EF Jr, Snowden M, Hall C, Adams M, Taylor P. Validation of 1989 Tennessee birth certificates using maternal and newborn hospital records. Am J Epidemiol 1993;137:758-68 [Medline]
7. Forssas E, Gissler M, Hemminki E. Declining perinatal mortality in Finland between 1987 and 1994: contribution of different subgroups. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 1998;80:177-81 [Medline]
8. Koupilova I, Rahu K, Rahu M, Karro H, Leon DA. Social determinants of birthweight and length of gestation in Estonia during the transition to democracy. Int J Epidemiol 2000;29:118-24 [Medline]
9. Karro H, Rahu M, Gornoi K, Baburin A. Estonian medical birth registry 1992-1994: association of risk factors with perinatal mortality. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 1998;80:151-6 [Medline]
10. Knudsen LB, Olsen J. The Danish Medical Birth Registry. Dan Med Bull. 1998;45:320-3 [Medline]
11. Lindley AA, Becker S, Gray RH, Herman AA. Effect of continuing or stopping smoking during pregnancy on infant birth weight, crown-heel length, head circumference, ponderal index, and brain:body weight ratio. Am J Epidemiol 2000;152:219-25 [Medline]
12. Irgens LM. The Medical Birth Registry of Norway; a source for epidemiological and clinical research. Scand J Rheumatol Suppl 1998;107:105-8 [Medline]
13. Vagero D, Koupilova I, Leon DA, Lithell UB. Social determinants of birthweight, ponderal index and gestational age in Sweden in the 1920s and the 1980s. Acta Paediatr 1999;88:445-53 [Medline]

 
 


Data di pubblicazione: 11/12/2008

  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna