1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Sostegno emotivo durante il travaglio e il parto

Cos'è l'assistenza one·to·one?

L'assistenza ostetrica one-to-one è stata adottata in Inghilterra nel 1993 come parte di un programma di riorganizzazione dei servizi di maternità (Changing Childbirth).
Questo servizio si propone di garantire una assistenza centrata sulla donna e sulla famiglia attraverso due strumenti:

 
  • riorganizzazione strutturale, allo scopo di assicurare un'assistenza su base territoriale fornita continuativamente dai medesimi professionisti
  • sviluppo della pratica clinica fondata su prove di efficacia e acquisizione da parte delle ostetriche di competenza a relazioni interpersonali efficaci
 

Questa modalità di assistenza è essenzialmente basata sulla continuità di assistenza durante la gravidanza, il travaglio, il parto ed il post-partum da parte della stessa ostetrica.
L'ostetrica, dipendente del servizio sanitario nazionale, conosce la donna, pianifica e progetta assieme a lei l'assistenza alla gravidanza e al parto, assumendo un ruolo centrale e di responsabilità rispetto alla madre.
Le ostetriche del team one-to-one collaborano con una collega che conosce la donna e che può provvedere all'assistenza qualora l'ostetrica responsabile non sia disponibile. Questa organizzazione permette:

 
  • flessibilità dei modelli lavorativi delle ostetriche
  • autonomia professionale, che deve essere adeguatamente supportata dal team manageriale e da altri professionisti (medico di base, ginecologo, ecc.)
 

Una ricerca [1] ha comparato gli esiti clinici dell'assistenza one-to-one all'assistenza convenzionale, in cui le ostetriche sono alternativamente o del territorio o dell'ospedale e le donne vengono assistite da professionisti diversi.
L'esperienza one-to-one dimostra che, con questa pratica, si realizza un alto grado di continuità dell'assistenza. Le ostetriche coinvolte esprimono una grande soddisfazione lavorativa poiché accresce la responsabilità, l'autonomia professionale e l'opportunità di sviluppare relazioni significative con le donne che assistono.

Altre utili informazioni sono contenute in Attaining and Maintaining Best Practices in the Use of Caesarean Section, un rapporto in cui viene descritto e valutato il processo di implementazione dell'assistenza one-to-one in quattro ospedali della regione canadese di Ontario [2].



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna