1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Influenza da virus A(H1N1) in gravidanza

 

La pandemia

 

Una epidemia di influenza si verifica quando emerge un nuovo virus influenzale e si diffonde rapidamente e globalmente, provocando epidemie in paesi diversi. Le pandemie sono imprevedibili e non Ŕ quindi possibile sapere chi e quanti saranno contagiati e neppure quale potrÓ essere l'impatto in termini di morbositÓ e mortalitÓ.
In precedenza, pandemie si sono verificate due o tre volte ogni secolo. Nel secolo scorso, la pandemia di influenza spagnola del 1918-19 ha provocato da 20 a 40 milioni di morti in tutto il mondo; le pandemie di influenza asiatica del 1957-58 e quella di Hong Kong del 1968-69 sono state relativamente molto meno gravi e hanno provocato ciascuna tra 1 e 2 milioni di morti. Gli eventi pandemici, infatti, tendono generalmente col tempo a diminuire in gravitÓ, per motivi diversi, il principale dei quali Ŕ - nei paesi sviluppati - il miglioramento generalizzato delle condizioni socio-economiche e di sanitÓ pubblica [1].

In Regno Unito, pandemie precedenti hanno coinvolto da 25% a 35% della popolazione, mentre l'influenza stagionale interessa generalmente da 5% a 15% della popolazione [2]. Il tasso di contagio specifico dell'influenza A(H1N1) potrÓ essere conosciuto soltanto dopo che si saranno raccolte sufficienti informazioni su gravitÓ, trasferibilitÓ e storia naturale del virus A(H1N1). Vi sono due principali fonti di incertezza relative alla stima della gravitÓ dell'infezione. La prima Ŕ costituita dalla sovrastima dei casi gravi, conseguente alla mancata denuncia dei casi non gravi o lievi, sempre pi¨ frequente con l'aumentare della diffusione. La seconda Ŕ rappresentata dalla possibile sottostima derivante dal calcolo del rapporto fra morti e casi, che non tiene conto dello scarto temporale fra inizio della malattia e morte [3].
Fino al 10 luglio 2009, le persone contagiate globalmente sono state circa 100.000, con un tasso di mortalitÓ diverso da paese a paese, ma comunque intorno a 5 per mille, sovrapponibile ai valori superiori registrati in occasione delle epidemie di influenza stagionali.

 


Data di pubblicazione: 03/08/2009

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna