Testata per la stampa

Influenza da virus A(H1N1)

 

Influenza da virus A(H1N1) in gravidanza

 

Si ritiene generalmente che le donne in gravidanza siano maggiormente sensibili all'influenza di altre donne in etÓ riproduttiva [1], ma non disponiamo di informazioni precise sugli effetti di precedenti pandemie influenzali su donne in stato di gravidanza, sulla gravidanza e sui loro bambini [2]. L'influenza stagionale Ŕ di solito prevalentemente una malattia respiratoria in cui i virus non circolano nel sangue e, pertanto, in gravidanza non attraversano la placenta, ma un virus pandemico Ŕ potenzialmente pi¨ virulento e invasivo.
 
Non disponiamo neppure di informazioni coerenti sulla gravitÓ e sulla fatalitÓ della polmonite in gravidanza rispetto a quella di donne di eguale etÓ non in gravidanza. Nell'ultimo trimestre di gravidanza, la ridotta capacitÓ respiratoria conseguente a una polmonite potrebbe teoricamente essere aggravata dalle modifiche del sistema immunitario, dalla ritenzione idrica e dalla ridotta mobilitÓ diaframmatica. Parimenti, una riduzione della pressione arteriosa o della ossigenazione materne potrebbero tradursi in una riduzione della ossigenazione fetale. In realtÓ, le informazioni raccolte negli ultimi 80 anni non hanno mostrato alcuna modifica della mortalitÓ materna attribuibile a pandemia di influenza. Gli effetti della pandemia da virus A(H1N1) dipenderanno da fattori diversi, tra cui le caratteristiche del virus, la gravitÓ della malattia che provoca, il tasso di contagio [2]. In ogni caso, e diversamente dalla pandemia del 1918-19, nei paesi sviluppati abbiamo a disposizione antibiotici e antivirali che possono prevenire l'inizio o mitigare l'evoluzione di una polmonite [3]. 
 
Finora, i casi di malattia grave in gravidanza riportati in Gran Bretagna e i altri paesi sono ridotti e hanno riguardato principalmente donne gravide con preesistenti problemi di salute [4].
 
Negli Stati Uniti sono stati riportati - fra il 15 aprile e il 18 maggio 2009 - 34 casi confermati o probabili di influenza da virus A(H1N1) in donne gravide, con 11 donne (32%) ricoverate. Il tasso di ricovero durante il primo mese di epidemia Ŕ risultato nelle donne gravide 0.32 per 100.000 (IC 95%: 0.13, 0.52) superiore a quello della popolazione a rischio (0.076 per 100.000; IC 95%: 0.07, 0.09). Tra 15 aprile e 16 giugno 2009 sono state riportate 6 morti di donne in gravidanza, tutte con polmonite e successiva sindrome da distress respiratorio che ha richiesto ventilazione meccanica. Il significato informativo di questi dati Ŕ tuttavia minimo. Il sistema di rilevamento dei casi non consente di confrontare direttamente i tassi di ricovero delle gravide con quelli delle donne in etÓ riproduttiva non gravide durante lo stesso periodo. La decisione di ricoverare una donna incinta Ŕ complessa e potrebbe includere considerazioni al di lÓ della gravitÓ della condizione: una donna gravida ha verosimilmente maggiori probabilitÓ di essere ricoverata di una donna non gravida e questo potrebbe da solo spiegare l'eccesso di ricovero. La morte materna Ŕ un evento molto raro e la sua stima entro un arco di tempo cosý ridotto Ŕ instabile. Nel caso dello studio, ad esempio, aumentando il periodo di riferimento di una sola settimana, la percentuale di morti materne fra le donne ricoverate sarebbe passata da 13% (sei di 45) a 8% (sette di 87) [5].

 

Bibliografia

1. WHO. Pandemic influenza in pregnant women. Pandemic (H1N1) 2009 briefing note 5. 31 July 2009 
2. Department of Health. Pandemic influenza: Guidance on preparing maternity services. London: Crown; 2008
3. Watts G. A/H1N1 influenza virus: the basics. BMJ 2009;339:b3046 [Medline]
4. RCOG/RCM statement - Advice on swine flu and pregnancy. 17/07/2009
5. Jamieson DJ et al. H1N1 2009 influenza virus infection during pregnancy in the USA. Lancet 2009; published online July 29, 2009 [Medline]

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito