Testata per la stampa

Influenza da virus A(H1N1)

 

Trattamento delle complicazioni in gravidanza

 

Come in altre condizioni gravidiche, è possibile controllare la febbre con paracetamolo, che è ben tollerato e approvato per l'uso in gravidanza. I farmaci che contengono trattamenti decongestionanti o sedativi in associazione a paracetamolo non sono raccomandati in gravidanza, poiché sono efficaci solo in misura marginale e vi è inoltre il rischio di una sommazione fra il paracetamolo contenuto nell'associazione e quello assunto separatamente [1-2].
 
All'assunzione regolare di farmaci anti-infiammatori non steroidei è associata la chiusura precoce del dotto arterioso e eventuale ipertensione polmonare persistente del neonato e questi farmaci non dovrebbero essere utilizzati in gravidanza se non occasionalmente [3].
 
La sovrapposizione batterica dell'influenza virale può essere affrontata con gli antibiotici prescrivibili in gravidanza [4].

 

Bibliografia

1. Department of Health. Pandemic influenza: Guidance on preparing maternity services. London: Crown; 2008
2. Centers for Disease Control and Prevention. Pregnant women and novel influenza A (H1N1) Virus: Considerations for clinicians. Reviewed June 30, 2009
3. Agenzia Italiana del Farmaco. Guida all'uso dei farmaci 5. Milano: Elsevier; 2008. p. 678
4. Ministero della salute. Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). Farmaci e gravidanza. La valutazione del rischio teratogeno basata su prove di efficacia. Roma: AIFA; 2005

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito