Testata per la stampa

I Registri Nascita

La nascita in Emilia-Romagna 2008

 

╚ stato pubblicato il Rapporto nascita 2008 della Regione Emilia-Romagna, prodotto elaborando e analizzando i dati di carattere socio-demografico e sanitario compresi nei Certificati di assistenza al parto (CedAP) [1].

In Emilia-Romagna nel 2008 si sono verificati 41.380 parti e sono nati 42.038 bambini, in un contesto in cui i tassi di natalitÓ e di feconditÓ (numero medio di figli per donna) sono in costante aumento e dal 2007 hanno superato i valori medi nazionali. L'Istat, infatti, ha stimato nel 2008 un tasso di natalitÓ nazionale di 9,6 nati e un tasso di natalitÓ regionale per l'Emilia-Romagna di 9,7 nati ogni 1000 abitanti. A questo aumento ha contribuito l'aumento della popolazione immigrata, con un numero di madri straniere che negli ultimi cinque anni Ŕ cresciuto da 17,1% a 26,5%.

Oltre la metÓ (54,2%) delle donne che hanno partorito nel 2008 sono al primo parto; l'etÓ media delle madri al momento del parto Ŕ risultata di 31,5 anni, stabile rispetto all'anno precedente. Le madri con etÓ uguale o superiore a 35 anni sono state 31% nel 2008 (erano 30% nel 2007, 25,5% nel 2003). ╚ rimasto costante il numero delle mamme minorenni (intorno allo 0,3%). ╚ aumentato il numero di padri (20%) con etÓ compresa tra 40 e 49 anni (15% nel 2003).

Le madri non coniugate sono state 30% del totale (erano 28,7% nel 2007). In particolare, negli ultimi sei anni le donne conviventi sono aumentate da 19,7% a 27,2%.

Dal Rapporto emerge che le donne che hanno partorito nel 2008 in Emilia-Romagna in 70,6% dei casi sono occupate (4% disoccupate); in 30,8% dei casi hanno una scolaritÓ medio-bassa (licenza elementare o di scuola media inferiore), in 23,2% sono laureate o hanno un diploma universitario.

Cresce il ruolo dei consultori familiari nell'assistenza in gravidanza: si rivolgeva infatti al consultorio meno di un quarto (23,4%) delle gravide nel 2003, 30,6% nel 2007; nel 2008  sono state seguite in consultorio quasi un terzo (32,7%) delle gravide

I punti nascita in Emilia-Romagna sono 31, ma oltre due terzi (65,1%) dei parti Ŕ avvenuto in 11 punti nascita, all'interno di strutture medio grandi (che assistono ogni anno mediamente 1500 parti), mentre 126 (0,3%) sono i parti a domicilio.

In sala parto, in 91,9% dei casi, la donna ha accanto a sÚ una persona di fiducia, prevalentemente il padre del bambino.
Il ricorso all'analgesia epidurale parto ha interessato 7,8% dei parti; quello ad altro tipo di analgesia farmacologica 1,2% dei parti.
 
La frequenza superiore di analgesia epidurale (11%) si riscontra nelle strutture di maggiori dimensioni (con oltre 1500 parti all'anno).

Costante il numero di parti cesarei nell'ultimo biennio: 30,1% nel 2008, 30% nel 2007.

Il Rapporto prosegue l'analisi del contributo delle diseguaglianze all'esito della gravidanza iniziata nella precedente edizione e contiene una nuova sezione, che descrive le caratteristiche di gravidanza e parto per distretto sanitario e Azienda sanitaria di residenza.

 
 

Bibliografia

1. Regione Emilia-Romagna. La nascita in Emilia-Romagna. 6░ Rapporto sui dati del Certificato di assistenza al parto (CedAP) - anno 2008. Bologna: Regione Emilia-Romagna; 2009 [Testo integrale]

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito