1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Allattamento

 

C'è un sapere basato su prove di efficacia che tutti i professionisti che assistono la donna e il bambino dovrebbero conoscere, per sostenere efficacemente l'allattamento. La correttezza dell'informazione può accrescere la libertà della donna di scegliere come nutrire il suo bambino.

 

L'iniziativa Ospedali Amici dei Bambini (Baby Friendly Hospital Initiative - BFHI) è una iniziativa di Organizzazione mondiale della sanità (World Health Organization - WHO) e UNICEF finalizzata a creare nelle strutture sanitarie un ambiente in grado di fornire assistenza umanizzata a madre e bambino e che sia di sostegno all'allattamento, inteso come l'unica alimentazione normale per il neonato.

 

E' quasi sempre possibile per il professionista identificare un farmaco sicuro per una donna che ha bisogno di cure e allatta.  La maggior parte dei farmaci passa nel latte materno solo in minime quantità e raramente provoca danni nel lattante. In gran parte dei casi sospendere l'allattamento al seno potrebbe causare più danni al bambino di quanti non possa causarne il farmaco eventualmente assunto attraverso il latte.

 

L'allattamento è un bene e come tale va protetto: i governi, le associazioni professionali e i singoli professionisti, le ditte produttrici di sostituti del latte materno, le associazioni di cittadini e i singoli cittadini hanno un ruolo in questa attività.

 

Come conseguenza dell'aumentata attenzione verso l'allattamento, i dubbi su utilità e nocività del ciuccio sono diventati oggetto di discussione

 

Nuove prove di efficacia suggeriscono che l'adozione di un approccio alla cura del neonato che metta al centro il benessere della madre durante l'allattamento possa associarsi a minori problemi al seno, come dolore, ragadi e mastiti,oltre che a minore affaticamento della donna.

L'Emilia-Romagna è fra le poche regioni in Italia a rilevare sistematicamente la prevalenza di allattamento. L'attività di monitoraggio è stata ideata e sviluppata fin dall'inizio in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri - Associazione Pediatria di Comunità (ACP-APeC).

 
 
 

Consulta anche

 
 

Fra gli "strumenti"...

L'Emilia-Romagna è una fra le poche regioni in Italia a rilevare sistematicamente la prevalenza di allattamento, utilizzando le definizioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). L'indagine è a cura dal Servizio assistenza distrettuale, medicina generale, pianificazione e sviluppo dei servizi sanitari dell'Assessorato sanità e politiche sociali in collaborazione con l'Associazione pediatria di comunità (APeC).

 

Le registrazioni video, audio e le presentazioni dei convegni regionali allattamento a partire dal 2016.

 

Un gruppo di professionisti di Aziende sanitarie e ospedaliere emiliano-romagnole e il Centro per la valutazione dell'efficacia dell'assistenza sanitaria (CeVEAS) di Modena - nell'ambito di un programma coordinato dal Servizio assistenza distrettuale, pianificazione e sviluppo dei servizi sanitari dell'Assessorato alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna - hanno delineato un percorso per la promozione dell'allattamento basato sulla raccolta di informazioni sul proprio specifico contesto assistenziale e l'utilizzo di un programma per facilitare l'adozione di raccomandazioni e il cambiamento nella pratica clinica.

 
 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna