1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Screening del diabete gestazionale

Fattori di rischio

La revisione sistematica (136 studi) compresa nella linea guida Diabetes in pregnancy [1] - prodotta in Regno Unito dal gruppo collaborativo National Collaborating Centre for Women's and Children's Health (NCC-WCH) - riporta i fattori di rischio per lo sviluppo di diabete gestazionale (GDM): obesità pre-gravidica (indice di massa corporea - BMI>30), età materna avanzata, precedente GDM, anamnesi familiare positiva per diabete, attuale condizione di fumatrice, precedente neonato macrosoma (peso >4500 grammi), aumento di peso materno nella prima età adulta e appartenenza ad alcune minoranze etniche. Le aree di origine associate a elevata prevalenza di GDM sono l'Asia meridionale (in particolare India, Pakistan e Bangladesh), Carabi (per le donne di origine africana) e Medio Oriente (in particolare Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iraq, Giordania, Siria, Oman, Qatar, Kuwait, Libano e Egitto). Nella revisione sistematica i tassi di ricorrenza del GDM dopo la gravidanza indice variano da 30% a 84%. La probabilità di GDM in una gravidanza successiva a una con GDM trattato con insulina è di circa 75%.

Il GDM è inoltre a sua volta fattore di rischio per lo sviluppo di diabete di tipo 2 (T2DM). Una revisione sistematica di 20 studi osservazionali ha quantificato questo rischio: le donne con precedente diabete gestazionale hanno un rischio aumentato di sviluppare T2DM rispetto alle donne che durante la gravidanza erano normoglicemiche (RR: 7.43; IC 95%: 4.79, 11.51) (per saperne di più: newsletter perinatale 4.2) [2].

I fattori di rischio per lo sviluppo di T2DM in donne con precedente GDM sono stati indagati in una revisione sistematica [3]. Nei 14 studi osservazionali inclusi, di diversa qualità, sono state considerate 9 categorie di fattori di rischio per lo sviluppo di T2DM in donne con precedente GDM [3]. Obesità, misurata prima (3 studi), durante (3 studi) e dopo (4 studi) la gravidanza (con misure di associazione comprese fra 0.8 e 8.7) e metodo di controllo della glicemia (3 studi - insulina vs, dieta; insulina vs no insulina - con misure di associazione comprese 2.8 e 4.7) sono risultati i due fattori associati allo sviluppo di T2DM. La diagnosi più tardiva di GDM, in media dopo le 24 settimane, è risultata associata a una riduzione del rischio di sviluppare T2DM (5 studi, con misure di associazione comprese fra 0.35 e 0.99).

 
 


Data di pubblicazione: 14/12/2010

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna