1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Allattamento

Donazioni di sostituti del latte materno ai poveri e nelle emergenze

Negli USA oltre la metà del latte artificiale utilizzato viene fornito gratuitamente alle madri tramite il programma per le supplementazioni nutrizionali per le donne, i lattanti e i bambini (Special Supplemental Nutrition Program for Women, Infants and Children) comunemente noto come WIC. WIC è un programma che si propone di salvaguardare la salute delle donne con basso reddito e dei loro figli fino a 5 anni di età, che perché indigenti rischiano di non avere un'alimentazione adeguata. Il programma distribuisce cibo nutrizionalmente adeguato, informazioni per una sana alimentazione e invia ai centri di salute quando necessario. I lattanti assistiti da WIC, pur ricevendo oltre 50% del latte artificiale acquistato in USA, sono però meno della metà dei lattanti americani. I ricercatori si sono dunque chiesti perchè proprio le donne indigenti ricorrano più spesso di quelle con livello economico più elevato al latte artificiale, che è costoso: è la distribuzione del latte artificiale tramite WIC a incoraggiare le donne più povere ad abbandonare l'allattamento al seno? Le compagnie produttrici forniscono a WIC i loro prodotti con prezzi scontati da 85% a 98% rispetto alla vendita all'ingrosso. La fornitura a prezzi ribassati consente un risparmio di soldi che WIC reinveste per allargare il numero di indigenti che riesce a inserire nel suo programma. Questo meccanismo garantisce alle compagnie produttrici di raggiungere con i loro prodotti una fetta di popolazione sempre maggiore: mediamente dopo un anno le persone escono dal programma WIC, ma continuano a utilizzare gli alimenti per l'infanzia che ricevevano durante il programma, pagandoli al dettaglio mediamente 5 volte più del prezzo di produzione. Un'analisi, riportata nel testo e condotta da una compagnia produttrice, conferma la teoria dei ricercatori: il tasso di inizio di allattamento al seno e la durata complessiva di allattamento nelle donne che partecipano a WIC è mediamente 20% più bassa di quello delle donne che non partecipano a WIC, anche dopo aver controllato per livello socioeconomico, provenienza geografica, razza/etnia, età della madre e ordine di nascita del neonato. In altre parole, sembra che proprio il programma WIC, distribuendo sostituti del latte materno gratuitamente, produca un effetto negativo sull'allattamento al seno [1].
Lo stesso effetto negativo si ha quando, nelle situazioni di emergenze, vengono distribuiti sostituti del latte materno gratuitamente. Per questo motivo, Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e IFE core group (un gruppo di lavoro interagenzie sull'alimentazione infantile nelle emergenze) affermano che la distribuzione routinaria di sostituti del latte materno, di biberon e tettarelle nelle emergenze non solo non è giustificata, ma è dannosa [2-4]. È invece necessario rilevare i bisogni dei bambini e supportare le madri attraverso una rete di operatori o di volontari formati ad hoc. La risoluzione della 47a Assemblea Mondiale della Sanità ricorda che "i governi e le agenzie devono agire con estrema cautela nella pianificazione, implementazione o supporto agli interventi in situazione di emergenza e proteggere, promuovere e sostenere l'allattamento al seno dei bambini", vegliando affinché i sostituti del latte materno "vengano forniti esclusivamente ai bambini che lo necessitano, che la fornitura sia assicurata per tutto il tempo necessario e che non sia usata a scopo di induzione alla vendita" [5].
I prodotti che rientrano nell'ambito di applicazione del Codice internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno devono avere un'etichettatura generica e non riportare alcun riferimento a marchi commerciali. Una volta individuato il bisogno reale di sostituti del latte materno, la fornitura deve essere assicurata in quantità adeguata e per tutto il tempo necessario, ricordando che "l'alimentazione di una minoranza di bambini nutriti con sostituti del latte materno non deve interferire con la protezione e promozione dell'allattamento al seno per la maggioranza" [2].
Una sezione dedicata al tema delle donazioni di sostituti del latte materni nelle emergenze, da cui sono stati presi i materiali per questa pagina e a cui si rimanda per ulteriori approfondimenti, è stata sviluppata in occasione della settimana mondiale per l'allattamento (SAM) 2009 sul sito dell'Istituto superiore di sanità Epicentro [6].

 
 


Data di pubblicazione: 20/12/2010

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna