1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina
 
 

Screening neonatali

 

Con il termine screening si intende un esame sistematico condotto, con strumenti clinici, strumentali o laboratoristici, su una popolazione asintomatica con l'obiettivo di identificare patologie in fase pre-clinica.
Gli screening rappresentano un tipico modello di medicina predittiva: non costituiscono un intervento di prevenzione, in quanto la malattia si Ŕ giÓ determinata, ma consentono di modificarne la storia naturale diminuendone gli effetti negativi.
Effettuare uno screening inutile rappresenta uno spreco di risorse in cui gli effetti collaterali possono superare di gran lunga i benefici.
Per valutare l' avvio di uno screening Ŕ necessario comprendere se:

  • frequenza, gravitÓ e impatto sociale della malattia in esame siano tali da far ipotizzare una politica rivolta a tutta la popolazione o a una sottopopolazione (screening a due stadi);
  • esista una fase pre-clinica della malattia e una teorica possibilitÓ di modificarne la storia naturale;
  • sia disponibile una terapia in grado di modificare la storia naturale della malattia;
  • siano disponibili test di screening: validi (alta sensibilitÓ e buona specificitÓ), riproducibili (sufficientemente semplici da poter essere utilizzati nei diversi contesti) e accettabili (non invasivi) da parte della popolazione;
  • i modelli organizzativi dello screening (con particolare attenzione agli aspetti etici e di comunicazione) siano tali da poter essere applicabili nei diversi contesti;
  • l' analisi dei costi/"efficacia nella pratica" sia favorevole.


In Emilia-Romagna, nell'ambito di un progetto per valutare l'opportunitÓ di svolgere screening neonatali, un Gruppo di lavoro della Commissione Nascita della Regione Emilia-Romagna ha affidato al Ceveas-Saperidoc il compito di sintetizzare, in Rapporti Tecnici, le prove di efficacia disponibili in letteratura su alcune condizioni cliniche possibili oggetto di screening. Il Gruppo di lavoro, sulla base di tali Rapporti, ha espresso il parere relativo all'introduzione o meno dei singoli screening nell'ambito degli interventi di politica sanitaria regionale. Per gli screening di provata efficacia il Gruppo di lavoro ha steso raccomandazioni relative agli aspetti organizzativi.
 
I primi temi affrontati riguardano: screening neonatale della perdita congenita dell'udito, screening per la displasia evolutiva dell'anca, screening sulle anomalie renali congenite, screening elettrocardiografico per la prevenzione della SIDS.
Per ogni tema saranno a disposizione: il Rapporto Tecnico, le raccomandazioni, la scheda sintetica, aggiornamnto della bibliografia, eventuali ulteriori documenti.
 

 

Una sintesi degli obiettivi e della metodologia seguita per il progetto sugli screening neonatali

 
 
 

Per i professionisti

 
 
 
 


Data di pubblicazione: 03/08/2011

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna