Testata per la stampa
 
 

Prevenzione: sono efficaci dieta e stile di vita?

 
 

Un numero limitato di studi valuta l'effetto di riposo, esercizio fisico, attività lavorativa e dieta sull'incidenza di pre-eclampsia.

 
 

Dieta

Uno studio controllato randomizzato (RCT) (361 donne) ha valutato l'efficacia della riduzione dell'introito di sale con la dieta nella prevenzione della pre-eclampsia in donne con ipertensione gestazionale [1]. La popolazione era costituita da gravide nullipare, senza fattori di rischio, ma con riscontro clinico di ipertensione gestazionale. La riduzione dell'introito di cloruro di sodio nella dieta (50 mmol al giorno), rispetto alla dieta libera, non ha mostrato risultati significativi sull'incidenza di pre-eclampsia.
Ferma restando l'importanza, per un corretto stile di vita, di un controllato introito, la riduzione della assunzione di sale con la dieta allo scopo di prevenire l'ipertensione gestazionale o la pre-eclampsia non è giustificata, mentre è consigliata nelle donne con  ipertensione cronica [2].

Non sono disponibili studi sulla efficacia dell'introito proteico con la dieta nella prevenzione dei disordini ipertensivi in gravidanza [2].

 
 

Peso corporeo

Non sono stati individuati dati sull'efficacia del mantenere un peso corporeo nell'intervallo considerato adeguato per una buona salute durante la gravidanza (indice di massa corporea 18.5-24.9 kg/m²) [2].

 
 

Riposo

Pochi studi hanno valutato l'efficacia del riposo nella prevenzione dei disordini ipertensivi in gravidanza. Una revisione sistematica (RS) di due piccoli RCT (106 donne) [3] ha mostrato in donne a rischio moderato di ipertensione gestazionale (normotese con test roll over positivo, ovvero aumento della pressione diastolica ≥20 mmHg nel passaggio dalla posizione sul fianco a quella supina ) alle quali era stato consigliato il riposo a casa sdraiate sul fianco sinistro per 4 ore al giorno, rispetto a donne cui non era stata data questa indicazione, una riduzione del rischio relativo (RR) di pre-eclampsia (RR: 0.05; intervallo di confidenza al 95%, IC 95%: 0.00, 0.83), ma non di ipertensione gestazionale. Nel secondo studio incluso nella RS l'intervento comprendeva sia il riposo che l'assunzione di una supplementazione alimentare (calcio, proteine della soia, acido linoleico), con rischio di confondimento nell'associazione tra esposizione e esito.
Alla luce dei limitati dati disponibili, non è possibile raccomandare il riposo a casa come intervento per la prevenzione della pre-eclampsia e dei disordini ipertensivi della gravidanza in donne a rischio [2,4].

 
 

Esercizio fisico

Una RS di 2 piccoli RCT (45 donne) [5] ha valutato l'efficacia dell'esercizio aerobico di moderata intensità rispetto al non esercizio nella prevenzione della pre-eclampsia in donne con diversi fattori di rischio o con diabete gestazionale. Dalla metanalisi non sono emersi effetti significativi dell'esercizio fisico sulla prevenzione dell'ipertensione gestazionale o della pre-eclampsia.

 
 

Ore di lavoro e attività fisica

Una RS di 5 studi osservazionali ha valutato l'effetto della quantità delle ore di lavoro e dell'attività fisica sull'incidenza di pre-eclampsia [6], ma non è stato possibile eseguire la metanalisi dei risultati per l'eterogeneità degli esiti considerati.
Una RS [6] ha valutato l'impatto di alcuni aspetti dell'attività lavorativa (prolungata stazione eretta, orario prolungato, lavoro a turni, lavoro fisicamente pesante) su vari esiti della gravidanza tra cui il rischio di ipertensione e pre-eclampsia (9 studi). Gli studi inclusi non hanno permesso di giungere a conclusioni definitive sugli aspetti considerati nella revisione.
In conclusione, la linea guida di National Collaborating Centre for Women's and Children's Health afferma che le raccomandazioni su riposo, esercizio fisico e lavoro nelle donne a rischio per disordine ipertensivo durante la gravidanza dovrebbero essere le stesse che vengono fornite alle donne in gravidanza prive di fattori di rischio [2].

 
 

Bibliografia

1. Knuist M et al. Low sodium diet and pregnancy-induced hypertension: a multi-centre randomised controlled trial. Br J Obstet Gynaecol 1998;105:430-4
2. National Collaborating Centre for Women's and Children's Health. Hypertension in pregnancy. The management of hypertensive disorders during pregnancy. London: Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, revised reprint 2011 
3. Meher S et al. Rest during pregnancy for preventing pre-eclampsia and its complications in women with normal blood pressure. Cochrane Database Syst Rev 2006;(2):CD005939.
4. WHO recommendations for prevention and treatment of pre-eclampsia and eclampsia. Geneva: World Health Organization, 2011
5. Meher S et al. Exercise or other physical activity for preventing pre-eclampsia and its complications. Cochrane Database Syst Rev 2006;(2):CD005942.
6. Bonzini M et al. Risk of prematurity, low birthweight and pre-eclampsia in relation to working hours and physical activities: a systematic review. Occup Environ Med 2007;64:228-43

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito