1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina
 
 

Induzione del travaglio di parto

 
 

L'induzione del travaglio avviene in circa 20%-25% delle gravidanze e rappresenta uno degli interventi maggiormente utilizzati in ostetricia nei paesi sviluppati [1]. In Italia, secondo l'elaborazione dei dati CedAP, nel 2008 sono stati registrati 64.571 parti indotti, pari a 17,2% dei 409.282 parti senza cesareo elettivo, con 6,2% dati mancanti o errati [2].
In Emilia-Romagna l'induzione rappresenta una modalitÓ in crescita di esordio del travaglio: nel 2009 e nel 2010, 19,9% e 20,7% rispettivamente dei parti avvenuti sono iniziati con un'induzione di travaglio; questa percentuale sale a 24,9% nel 2009 e 25,7% nel 2010 escludendo i tagli cesarei effettuati prima del travaglio (taglio cesarei elettivi e urgenti fuori travaglio) [3,4]. Per l'induzione del travaglio sono disponibili metodi farmacologici e metodi non farmacologici definiti 'meccanici'.

 
 
 

Metodi farmacologici (di prossima pubblicazione)

 
 
 
 
 
 

Bibliografia

1. WHO, World Health Organization. WHO recommendations for induction of labour. Geneva: World Health Organization, 2011
2. Ministero della Salute. Certificato di assistenza al parto (CeDAP). Analisi dell'evento nascita - Anno 2008. Roma: Ministero della salute, 2011
3. Baronciani D et al. Regione Emilia-Romagna. La nascita in Emilia-Romagna. 7░ Rapporto sui dati del Certificato di assistenza al parto (CedAP) - anno 2009. Bologna: Regione Emilia-Romagna, 2010
4. Baronciani D et al. Regione Emilia-Romagna. La nascita in Emilia-Romagna. 8░ Rapporto sui dati del Certificato di assistenza al parto (CedAP) - anno 2010. Bologna: Regione Emilia-Romagna, 2011

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna