Testata per la stampa

Assistenza alla gravidanza a basso rischio

Efficacia della assistenza prenatale

L'assistenza prenatale (antenatal care - ANC) comprende educazione, counselling, screening e trattamenti finalizzati a monitorare e promuovere il benessere di madre e feto. In modo ideale, dovrebbero essere proposti solo interventi di provata efficacia - per i quali i benefici superano nettamente i rischi associati a ogni intervento - e accettabili dalle donne in gravidanza e dalle loro famiglie. Ma come valutare l'efficacia e l'appropriatezza della assistenza fornita in gravidanza alle madri a basso rischio?

A questa domanda risponde Health Evidence Network (HEN), un network di organismi tecnici e partners
finanziari organizzato dall'Ufficio europeo della Organizzazione mondiale della sanitÓ (World Health Organization, Regional Office for Europe - WHO/EURO) - e comprendente agenzie delle Nazioni unite (United Nations - UN) - allo scopo di fornire ai decisori di salute pubblica informazioni di politica sanitaria fondate su prove di efficacia [1].

HEH ha pubblicato un report delle migliori prove di efficacia disponibili sugli interventi di assistenza prenatale [2]. Nel documento sono elencati gli interventi di provata efficacia, gli interventi risultati inefficaci, ma ancora largamente utilizzati e gli interventi sulla cui efficacia esiste ancora incertezza.

Il documento, aggiornato a settembre 2005 e basato prevalentemente su revisioni sistematiche di studi clinici controllati randomizzati, Ŕ disponibile in versione integrale gratuita.

 
 

Bibliografia

1. Dumitrescu A et al. Demand-driven evidence network in Europe. Bulletin of the World Health Organization 2006;84:2-3 [Testo integrale]
2. Di Mario S et al. What is the effectiveness of antenatal care? (Supplement) (Health Evidence Network report). Copenhagen: World Health Organization Regional Office for Europe; 2005 [Testo integrale]

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito