Testata per la stampa

Depressione postnatale e postpartum blues

Screening e prevenzione

Ben poco si sa sull'accuratezza dei test di screening, gli studi a riguardo sono infatti di piccole dimensioni, utilizzano definizioni diverse e valutano diversi strumenti.
La Edimburg Postnatal Depression Scale (EPDS) o Scala di Edimburgo Ŕ nata come strumento di screening per identificare le donne a rischio di depressione postnatale (la traduzione italiana Ŕ disponibile in allegato alla pagina). La sua somministrazione alle donne, da parte di professionisti specificatamente formati, Ŕ stata utilizzata nella maggior parte dei programmi di screening.
La scala comprende dieci affermazioni, le madri scelgono tra quattro possibili risposte quella che corrisponde meglio allo stato d'animo provato durante gli ultimi sette giorni e, sulla base di queste, si giunge ad uno score di rischio [1].
Gli studi successivi alla introduzione della EPDS, hanno ridimensionato il suo ruolo che non Ŕ quello di strumento diagnostico, essendo la diagnosi di depressione postnatale formulabile esclusivamente mediante una valutazione clinica, nÚ di strumento principale per valutazione dello stato mentale nel periodo postnatale. La EPDS andrebbe infatti proposta solo come parte di un pi¨ ampio programma di screening [2,3].

Sul piano della prevenzione, non vi sono evidenze che supportino l'uso di interventi psicosociali specifici di routine su tutte le donne in gravidanza, allo scopo di ridurre la probabilitÓ di sviluppare un disturbo mentale nel periodo perinatale [4].
Le raccomandazioni basate su prove di efficacia depongono invece a favore di interventi per le gravide con evidente stress psicologico, con sintomi che interferiscono con le funzioni personali o sociali, ma che non giungono a determinare una diagnosi di disturbo mentale:
- interventi di supporto sociale perinatale individuale o di gruppo, per le donne con anamnesi negativa;
- interventi di supporto psicologico individuale nelle donne con storia personale di episodio depressivo o ansioso (4-6 interventi psicologici strutturati, ad esempio di psicoterapia interpersonale o terapia cognitivo comportamentale) [4].

Una revisione sistematica di 15 RCT, giunge a simili conclusioni dimostrando che le donne che ricevono un intervento psicosociale hanno la stessa possibilitÓ di sviluppare una depressione postnatale delle donne che ricevono cure standard (RR 0.81, IC 95% 0.65-1.02).
L'intervento nel solo periodo postnatale appare pi¨ efficace dell'intervento che comprende anche il periodo prenatale, mentre l'intervento pi¨ promettente sembra il supporto postparto intensivo fornito da ostetriche (RR 0.68, IC 95% 0.55-0.84) [5].
Non Ŕ invece possibile trarre conclusioni riguardo l'efficacia della somministrazione di farmaci antidepressivi immediatamente nel postparto, allo scopo di prevenire la depressione postnatale. In considerazione della mancanza di prove d'efficacia tale intervento non pu˛ essere raccomandato [6].

Bibliografia

1. Cox JL, Holden JM, Sagovsky R. Detection of postnatal depression. Development of the 10-item Edinburgh Postnatal Depression Scale. Br J Psychiatry 1987;150:782-6 [Medline]
2. Scottish Intercollegiate Guidelines Network. Postnatal depression and puerperal psychosis. Clinical Guidelines 60. Edinburgh: SIGN; 2002 [Testo integrale]
3. The National Collaborating Centre for Primary Care Postnatal care. Routine postnatal care of women and their babies. London: NICE; 2006 [Testo integrale]
4. National Institute for Health and Clinical Excellence. Antenatal and postnatal mental health: clinical management and service guidance. London: NICE; 2007 [Testo integrale]
5. Dennis C-L, Creedy D. Psychosocial and psychological interventions for preventing postpartum depression. Cochrane Database of Systematic Reviews 2004, Issue 4. John Wiley & Sons, Ltd. [Riassunto]
6. Howard LM, Hoffbrand S, Henshaw C, Boath L, Bradley E. Antidepressant prevention of postnatal depression. Cochrane Database of Systematic Reviews 2005, Issue 2. John Wiley & Sons, Ltd. [Riassunto]

 

 
 (28.03 KB)Scala di Edimburgo (28.03 KB).
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito