Testata per la stampa

Alimentazione

 

Che cosa è il latte artificiale?

 
 

Il latte artificiale (che sarebbe più corretto chiamare latte di formula) è un derivato modificato del latte vaccino o di capra o di fonti vegetali come la soia. Viene prodotto sia in formulazione liquida (pronto all'uso, sterile, con costi più elevati) sia nella più usata formulazione in polvere (non sterile, con costi variabili, ma più contenuti rispetto alla formulazione liquida).

La composizione dei latti per l'infanzia (fino all'anno di vita) in Europa è strettamente regolamentata dalla direttiva 06/141/CE [1] e successive modificazioni, recepita in Italia dal Decreto Ministeriale (DM) n. 82 del 9 aprile 2009 [2] e successive modificazioni. Si prevede che una nuova direttiva europea sostituirà quella attualmente in vigore, e porterà quindi ad una modificazione della legislazione nazionale, nel 2015 o 2016. Questi documenti si basano sulle regole stabilite dal Codex Alimentarius prodotto da Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e Food and Agriculture Organization (FAO) delle Nazioni Unite [3,4]. I princìpi guida dei diversi documenti  sono [4,5]:

 
 

I latti artificiali vengono comunemente distinti in latte di tipo 1 o di partenza (da utilizzare nei lattanti da 0 a 6 mesi) e latte di tipo 2 o di proseguimento (da utilizzare nei lattanti da 6 mesi all'anno di vita). Esistono poi latti speciali che, prescritti dopo una attenta valutazione, sono indicati nei rari casi di:

 

Altri sostituti del latte materno sono:

 
 

Bibliografia

1. Direttiva 06/141/CE della Commissione, del 22 dicembre 2006, riguardante gli alimenti per lattanti e gli alimenti di proseguimento e recante abrogazione della direttiva 1999/21/CE [Testo integrale] 
2. Decreto Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, 9 aprile 2009, n. 82 - Regolamento concernente l'attuazione della direttiva 2006/141/CE per la parte riguardante gli alimenti per lattanti e gli alimenti di proseguimento destinati alla Comunità Europea e all'esportazione presso Paesi terzi. Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 155 del 7-7-2009 [Testo integrale]
3. Food and Agriculture Organization of United Nations/World Health Organization. The Codex Alimentarius. Codex standard for infant formula. Codex Stan 72-1981. Roma: FAO; 1981, Adopted as a world-wide Standard 1981. Amended 1983, 1985, 1987. Revision 2007. Amended 2011  [Testo integrale]
4. Koletzko B, et al. Global standard for the composition of infant formula: recommendations of an ESPGHAN coordinated international expert group. J Pediatr Gastroenterol Nutr 2005;41:584-99 [Medline] 
5. EFSA NDA Panel (EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies), 2014. Scientific Opinion on the essential composition of infant and follow-on formulae. EFSA Journal 2014;12:3760 (106 pp.) [Testo integrale]

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito