1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Alimentazione

 

Latte di soia

 
 
 

Latte derivato esclusivamente da proteine della soia, non contiene lattosio né proteine animali. Secondo American Academy of Pediatrics [1] e European Society of Pediatric Gastroenterology Hepatology and Nutrition - ESPGHAN [2] l'uso del latte derivato dalle proteine della soia è indicato nelle seguenti condizioni: 

  • bambini con galattosemia o deficit primitivo di lattasi 
  • bambini a termine che per scelte etiche o religiose dei genitori non debbano assumere proteine di origine animale
 

Il latte di soia non è invece indicato come sostituto del latte materno in:

  • nati pretermine, dal momento che in questi si associa a maggiore rischio di osteopenia
  • lattanti con allergia alle proteine del latte vaccino di tipo IgE mediato, che si manifesta cioè con orticaria, angioedema, asma, rinite, vomito, eczema o anafilassi; la possibilità di sviluppare una intolleranza anche alle proteine della soia è pari a 10%-14%. In questi casi è indicato, in assenza di latte materno, l'utilizzo di idrolisati delle proteine del latte vaccino. Dopo i 6 mesi di vita, se per motivi economici e di maggiore accettabilità si preferisse utilizzare il latte di soia, se ne dovrà prima saggiare la tollerabilità con un test di scatenamento sotto controllo medico
  • nei lattanti con reazioni da APLV non IgE mediate, come il malassorbimento, la proctocolite, l'enterocolite, l'esofagite, l'emosiderosi polmonare, l'irritabilità o le coliche; in questi casi il rischio di sviluppare ipersensibilità alle proteine della soia è pari a 30%-64%. Infine le due società non raccomandano l'uso del latte di soia nella prevenzione delle malattie atopiche in bambini a elevato rischio di allergia, dal momento che gli studi indicano una mancanza di efficacia in questi casi, così come nella riduzione delle coliche e nella prevenzione dell'intolleranza al lattosio negli episodi di gastroenterite [1,2].
 

Una revisione sistematica di 35 fra studi trasversali, di coorte, caso-controllo e trial controllati randomizzati - RCT ha valutato la sicurezza del latte di soia comparandolo con latte di formula a partenza dalle proteine del latte vaccino o latte materno. Gli esiti considerati sono l'aumento di peso e altezza a un anno di vita, la densità minerale ossea, la quantità di emoglobina, il livello ematico di proteine totali, zinco e calcio [3]. I lattanti nati a termine alimentati con latte di soia arricchito da micronutrienti (i più recenti latti di soia lo sono) non si differenziano per i parametri studiati dai lattanti alimentati al seno o con latte di formula vaccino. Gli autori della revisione, pur non riportando una analisi separata per i nati pretermine, sostengono che in questa ultima popolazione e nei neonati con insufficienza renale l'uso del latte di soia non è esente da rischi per una possibile tossicità da alluminio, contenuto in livelli elevati, anche se inferiori a quelli indicati come tossici da FAO/OMS, nel latte di soia. Si segnala la presenza, fra gli autori della revisione, di un dipendente di una azienda che produce sostituti del latte materno derivati dalle proteine della soia [3].

 
 
 

Bibliografia

1. Bhatia J, Greer F; American Academy of Pediatrics Committee on Nutrition. Use of soy protein-based formulas in infant feeding. Pediatrics 2008;121:1062-8 [Medline]
2. ESPGHAN Committee on Nutrition; Agostoni C, et al. Soy protein infant formulae and follow-on formulae: a commentary by the ESPGHAN Committee on Nutrition. J Pediatr Gastroenterol Nutr 2006;42:352-61 [Medline] 
3. Vandenplas Y, et al. Safety of soya-based infant formulas in children. Br J Nutr 2014;111:1340-60 [Medline] 



Data di pubblicazione: 20/07/2015

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna