1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Tipologie

A fronte della articolata variabilitÓ e multiformitÓ delle forme di mutilazione/modificazione dei genitali femminili diffuse in diverse parti del mondo, le agenzie internazionali hanno tentato di costruire delle tipologie ritenute funzionali ad individuare i target a rischio sanitario.

La pi¨ nota Ŕ la classificazione standardizzata, messa a punto a Ginevra da un gruppo tecnico congiunto OMS/WHO nel 1995  e successivamente aggiornata, secondo la quale il tipo pi¨ comune Ŕ l'escissione della clitoride e delle labbra (circa l'80% dei casi), mentre la forma pi¨ estrema, l'infibulazione, Ŕ meno diffusa (circa il 15% dei casi).

Pi¨ in generale, l'OMS riconosce quattro tipi principali di pratiche di MGF:

Tipo I: escissione del prepuzio con o senza escissione di una parte o di tutta la clitoride (clitoridectomia)

  • Tipo Ia: rimozione solo del prepuzio
  • Tipo Ib: rimozione della clitoride con il prepuzio
 

Tipo II: escissione della clitoride con totale o parziale escissione delle piccole labbra, con o senza escissione delle grandi labbra (escissione)

  • Tipo IIa: rimozione solo delle piccole labbra
  • Tipo IIb: rimozione parziale o totale della clitoride e delle piccole labbra
  • Tipo IIc: rimozione parziale o totale della clitoride, delle piccole labbra e delle grandi labbra
 

Tipo III: escissione di una parte o di tutti i genitali esterni e restringimento dell'orifizio vaginale, con o senza escissione della clitoride (infibulazione)

  • Tipo IIIa: rimozione e apposizione delle piccole labbra
  • Tipo IIIb: rimozione e apposizione delle grandi labbra
 

Tipo IV: tutti gli altri interventi praticati sugli organi genitali femminili a fini non terapeutici; comprende punture, perforazioni o incisioni del clitoride o delle labbra; allungamento per trazione del clitoride o delle labbra; cauterizzazione mediante bruciatura del clitoride e del tessuto circostante; abrasione del tessuto intorno all'orifizio vaginale o incisione della vagina; introduzione in vagina di sostanze corrosive o vegetali allo scopo di provocare sanguinamento o restringimenti della vagina stessa.



 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna