1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Linee Guida

A seguito dei programmi di prevenzione delle pratiche di MGF, nei paesi di emigrazione si è proceduto con la elaborazione di Linee Guida rivolte ai professionisti sociosanitari che incontrano donne provenienti dalle aree interessate nei loro contesti di lavoro. Elaborate sia dagli organi governativi centrali e locali, sia da associazioni impegnate sul territorio, esse sono finalizzate a promuovere una corretta conoscenza del fenomeno da parte dell'operatrice-operatore e a supportarla/o nell'accompagnamento e nella comunicazione con le donne interessate.

 

Linee Guida italiane

REGIONE EMILIA ROMAGNA, Progetto n. 9. Le mutilazioni genitali femminili (MGF) nella popolazione immigrata. Raccomandazioni assistenziali, 2000/01.
Questo documento deriva dal Progetto sulle MGF del programma della Regione Emilia-Romagna di attivazione e riorganizzazione dei consultori familiari.  Formato da due parti - l'una  che riporta i "Risultati dell'indagine regionale", l'altra le "Raccomandazioni per i professionisti - anticipa l'approccio tecnico e pratico, ma anche culturale, in seguito adottato dalle Linee Guida Ministeriali.

DIPARTIMENTO PARI OPPORTUNITA', Mutilazioni genitali femminili: cura e prevenzione. Linee guida per operatrici e operatori sanitari, sociali ed educativi 2001.
Prima versione delle linee guida elaborate a cura della Commissione Nazionale contro le mutilazioni genitali femminili del Dipartimento delle Pari Opportunità.

REGIONE TOSCANA, Profilo informativo del fenomeno delle Mutilazioni Genitali Femminili. Conoscerle per prevenirle, Regione Toscana E Associazione Nosotras, 2006.
Ampliamento delle linee guida per operatori prodotte all'interno del progetto IDIL "Salvare la diversità, non la sofferenza", è stato elaborato su iniziativa del Gruppo di lavoro multidisciplinare sulle Mgf istituito dalla Regione Toscana nel 2003.

MINISTERO DELLA SALUTE, Rapporto della Commissione per la prevenzione e il divieto delle pratiche di mutilazione genitale femminile del Ministero della salute 2007.
Il rapporto contiene delle linee guida destinate al personale sanitario per la prevenzione, assistenza e riabilitazione delle donne sottoposte a pratiche di mutilazione genitale femminile.  Il documento - si legge  nel comunicato del dicastero della Salute - e' costituito da due parti. La prima, di carattere socio-antropologico,  illustra le motivazioni psicologiche, le funzioni economiche e sociali, i significati  culturali delle mutilazioni genitali femminili, oltre agli strumenti giuridici che oggi sono messi a disposizione in molti paesi del mondo ed europei per contrastarle. La seconda parte offre indicazioni medico-sanitarie e relazionali rivolte ad operatori sociali e sanitari.
Queste ultime, delle vere e proprie linee guida per gli operatori  che incontrano donne portatrici di MGF nei servizi, forniscono strumenti di conoscenza e comprensione del fenomeno, ma anche sollecitano le Regioni ad attivare sul territorio iniziative di formazione del personale sanitario per la prevenzione della diffusione delle MGF. Sul piano epidemiologico e statistico, vista la scarsità dei dati locali, le Linee Guida invitano ad adottare (limitatamente ai ricoveri ospedalieri) la classificazione della condizione proposta dalla regione Emilia-Romagna.

DIPARTIMENTO PARI OPPORTUNITA', Linee Guida per la promozione di interventi territoriali di contrasto al fenomeno della violenza di genere, 2014
Queste più recenti Linee Guida, promosse dal Dipartimento Pari Opportunità, dedicate al contrasto e la prevenzione del fenomeno della violenza di genere e dello stalking, includono il fenomeno delle mutilazioni genitali femminili considerate, seguendo il solco indicato dalla Convenzione di Istanbul e specificamente dalla Risoluzione delle Nazioni Unite del 2012, come  "pratica fortemente lesiva dei diritti umani delle bambine e delle donne e con gravi conseguenze dal punto di vista della salute e del benessere individuale".

 

Linee Guida Europee

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna