1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Descrizione estesa tipi di MGF

Tipo I
L'escissione circonferenziale del prepuzio della clitoride è analoga alla circoncisione maschile. Sebbene tale pratica sia sganciata dalla tradizione islamica, nei paesi a religione prevalente musulmana essa viene chiamata Sunna, che in arabo rinvia a "regola", "tradizione". In questo tipo di MGF si pratica una piccola incisione sul prepuzio del clitoride senza asportarne nessuna parte, limitandosi a far uscire alcune gocce di sangue.

Questo tipo di circoncisione non è necessariamente nocivo per la salute e non comporta complicanze immediate o a distanza.
Una seconda forma, più comune, di escissione di tipo I consiste nell'asportazione del prepuzio, conservando comunque l'integrità della clitoride e delle piccole labbra.

Tipo II

Questo tipo implica la rimozione del glande della clitoride o anche dell'intera clitoride e può includere parte delle piccole labbra o tutte. È una mutilazione più estesa della precedente, ed è particolarmente diffusa in Egitto, in alcuni paesi dell'Africa Orientale e tra numerosi gruppi etnici della fascia sub sahariana.

Tipo III

La cosiddetta "circoncisione faraonica" o infibulazione implica la chiusura parziale dell'orifizio vaginale dopo l'escissione di una varia quantità di tessuto vulvare. Nella sua forma più drastica vengono asportati tutto o parte del monte di Venere, le grandi e piccole labbra e il clitoride.

I due lati della vulva vengono poi cuciti tra loro con una sutura, riducendo in tal modo l'orifizio vaginale e lasciando solo un piccolo passaggio nell'estremità inferiore, per l'emissione del flusso mestruale e dell'urina. La cicatrice richiusa crea un "cappuccio di pelle" che copre l'uretra e in parte o quasi tutta la vagina, costituendo una barriera fisica al coito. Permane quindi solo una piccola apertura posteriore, circondata da cute e tessuto cicatriziale, che in genere misura 2-3 cm di diametro, ma può avere anche le dimensioni della capocchia di un fiammifero. Al termine del processo di cicatrizzazione si controlla l'ostio residuo e, se esso non è sufficientemente piccolo, l'operazione si ripete una seconda volta; è particolarmente diffusa in Somalia, in Sudan e presso alcuni popoli del Mali.

Tipo IV

Vi sono altre pratiche lesive dell'apparato genitale femminile poco diffuse e circoscritte solo a limitate aree geografiche, per esempio casi in cui vengono lacerate le grandi labbra a scopo medico-rituale, per dilatare o restringere la vagina. Nel primo caso, si tratta della cosiddetta 'introcisione', cioè una dilatazione traumatica della vagina che si effettua in genere in preparazione della prima notte di nozze; nel secondo caso, la vagina viene fatta retrarre o restringere attraverso incisioni o sostanze corrosive, in genere con lo scopo di risultare "più stretta" per un eventuale secondo matrimonio.

E' da sottolineare come entro questa categoria, che racchiude la multiformità di pratiche anche molto diverse fra loro e non necessariamente nocive, l'OMS raggruppi solo le forme più dannose e mutilanti di modificazione; è importante tuttavia considerare che le forme di alterazione non funzionale, ma anche non mutilante o dolorosa, sono numerosissime e inscrivono le modificazioni dei genitali all'interno del vasto insieme delle modificazioni culturali dei corpi connesse ai campi dell'esistenza sociale, come il matrimonio, la procreazione, la relazione fra generi.

 

L'antropologa Michela Fusaschi ha studiato una pratica di modificazione genitale femminile diffusa in Rwanda e Burundi chiamata gukuna, un'operazione di manipolazione e modificazione dei genitali femminili a carattere definitivo non terapeutico mirata a espandere la zona clitorido-labiale. Tecnicamente è un massaggio esercitato tra ragazze che si suppone sia utile  a "fare acqua", cioè ad ampliare la capacità lubrificatoria della vagina, quindi a prepararla per il rapporto sessuale e per il parto. Da un punto di vista antropologico sociale, essa è una pratica mirata al modellamento culturale del corpo, alla costruzione sociale della identità corporea e di genere, comprensibile nei suoi significati solo all'interno della simbologia e cosmogonia rwuandese dei flussi e dei fluidi della terra; acqua, latte, miele..

 

In sintesi, è importante ricordare come quella proposta dall'OMS sia una classificazione funzionale all'interno di un certo sistema di rappresentazione coerente agli obbiettivi tecnici e di intervento di un'organizzazione sanitaria internazionale, ma che tutti i tipi  di circoncisione andrebbero compresi all'interno dei diversi contesti in cui le pratiche vengono effettuate.

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna