1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Rischio di parto pretermine

Ecografia transvaginale

La valutazione ecografica della cervice per via transvaginale prevede la misurazione della lunghezza del canale cervicale, intesa come distanza tra orifizio uterino interno (OUI) ed esterno (OUE), entrambi evidenziati nella stessa scansione sagittale.
Cinque studi prospettici (tre dei quali comprendevano donne a basso e alto rischio) hanno preso in considerazione la lunghezza del canale cervicale in donne asintomatiche, stimata ecograficamente nel secondo trimestre, e il rischio di parto pretermine. Le evidenze hanno mostrato che una lunghezza della cervice ≤ 25mm aumenta moderatamente la probabilitÓ di parto pretermine (likelihood ratio con test positivo: +LR 3.84; intervallo di confidenza al 95%, IC: 3.12-4.71) ma una lunghezza conservata (>25mm) non lo esclude (likelihood ratio con test negativo: -LR 0.85; IC: 0.82-0.89).

La dilatazione cervicale inizia a livello dell'OUI che allargandosi permette l'invaginazione nel canale cervicale delle membrane e del liquido amniotico. Questa modificazione viene definita funneling (meno frequentemente wedging). In assenza di dilatazione l'OUI Ŕ normalmente piatto (aspetto a T), in presenza di funneling presenta aspetti diversi in relazione al grado di incompetenza cervicale, inizialmente ad Y, progredendo poi verso un aspetto a V nella fase intermedia ed a U nella fase finale.
La presenza di funneling all'esame ecografico eseguito per via transvaginale Ŕ stata valutata in 4 studi prospettici comprendenti oltre 13.000 donne con gravidanza singola, asintomatiche, esaminate nel secondo trimestre. Non Ŕ stata eseguita una metanalisi dei risultati per le diverse definizioni utilizzate (valori soglia di invaginamento) e le diverse epoche gestazionali dell'esito considerato. Il riscontro di funneling sembra aver un moderato valore diagnostico nel predire il parto pretermine, ma l'interpretazione degli studi risulta difficoltosa.

Bibliografia

1. National Collaborating Centre for Women's and Children's Health. Antenatal care - Routine care for the healthy pregnant woman. 2nd edition (2008 update). Draft for consultation



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna