1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Feto piccolo per l'epoca gestazionale

Quali problemi nella diagnosi di SGA?

Il termine SGA (small for gestational age) si riferisce ad un feto che non ha raggiunto uno specifico valore antropometrico o un peso stimato soglia per una specifica epoca gestazionale.

Il ritardo di crescita intrauterino non Ŕ una patologia specifica, ma la manifestazione di numerosi possibili disordini materni o fetali, come le anomalie cromosomiche e le malformazioni congenite (responsabili di circa 20% dei casi), le malattie vascolari materne come ipertensione o disordini tromboembofilici (le cause pi¨ comuni, responsabili di circa 25-30% dei casi), disturbi alimentari o anomalie di peso materni, la malattia infiammatoria intestinale, anomalie della placenta, infezioni fetali, assunzione di sostanze d'abuso, di anticonvulsivanti e di warfarin, la gravidanza multipla; il fumo di sigaretta Ŕ associato a una diminuzione del peso fetale di 135-300 grammi [1].

In Italia, nel 2001, sono stati registrati 9129 casi di diagnosi principale di ritardo di crescita intrauterina, mentre per aggregati clinici di codici di diagnosi principali sono stati registrati complessivamente 34.723 casi di immaturitÓ, prematuritÓ, basso peso alla nascita e ritardo della crescita fetale.

I feti SGA costituiscono un gruppo eterogeneo, nel quale Ŕ molto importante distinguere i feti che non hanno raggiunto il loro potenziale accrescimento, definiti feti con riduzione dell'accrescimento fetale (fetal growth restriction - FGR), dai feti che sono costituzionalmente piccoli.

E' probabile che i rischi superiori registrati complessivamente fra i feti SGA (natimortalitÓ, ipossia alla nascita, complicazioni neonatali, deficit neurologici, possibili diabete non-insulino dipendente e ipertensione in etÓ adulta) siano ascrivibili principalmente alla sottopopolazione di feti veri FGR.

Approssimativamente, il 50-70% dei feti con un peso stimato inferiore al decimo percentile sono feti costituzionalmente piccoli.

La linea guida RCOG [2] sottolinea quattro importanti elementi che devono essere presi preliminarmente in considerazione quando si utilizzano test per il riconoscimento di SGA:

  • la maggior parte delle misurazioni richiede una accurata stima dell'epoca gestazionale;
  • la maggior parte dei test Ŕ indirizzata alla diagnosi di feti piccoli per l'etÓ gestazionale piuttosto che feti con riduzione del loro accrescimento;
  • la maggior parte degli studi condotti su questo argomento utilizza una misura puntuale per predire un SGA (size), mentre le prove di efficacia depongono per una maggiore accuratezza della misurazione seriata (growth);
  • nella maggior parte delle situazioni non vengono presi in considerazione fattori prognostici importanti per SGA, come l'altezza, il peso, l'etnia o la paritÓ materni e il genere fetale.

I test biometrici (ad es.: le misurazioni di dimensione) devono essere distinti dai test biofisici (ad es.: test di valutazione del benessere fetale). La presenza di benessere fetale implica l'assenza di acidosi fetale. La distinzione comporta che, mentre la diagnosi di SGA si dovrebbe fondare su test biometrici, test biofisici anomali sono maggiormente indicativi di vera FGR che di feti costituzionalmente piccoli.



Data di pubblicazione: 11/12/2008

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna