1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

I servizi offerti

 

L'assistenza nei servizi consultoriali

I servizi consultoriali dell'Emilia-Romagna sono costituiti da 182 consultori familiari, 36 Spazi giovani (rivolti a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 14 e i 19 anni) e 15 Spazi per le donne immigrate e i loro bambini (rivolti alla popolazione di recente immigrazione o con particolari difficoltà di accesso ai servizi).
I punti di forza di questi servizi sono la multidisciplinarietà, il lavoro di équipe, la diffusione sul territorio, la collaborazione con altri servizi o istituzioni locali, l'accesso libero e la gratuità del servizio per molte prestazioni, caratteristiche finalizzate a garantire equità di accesso e continuità della presa in carico.

Nell'anno 2016 gli utenti che si sono rivolti ai servizi consultoriali (Consultori Familiari, Spazi Giovani e Spazi Donne Immigrate) sono pari a 351.309 di cui il 19,9% di origine straniera.
La distribuzione per classi di età degli utenti che si rivolgono ai servizi consultoriali mostra che la maggioranza di questi si concentrano nelle classi 30-34 anni (12,2%), 35-39 anni (12,6%), 40-44 anni (13,2%) e 45-49 anni (11,5%).

All'interno di queste classi di età la maggior percentuale di utenti stranieri è presente nelle classi 20-24 anni (35,0%), 25-29 anni (33,9%) e 30-34 anni (32,7%).
Le prestazioni (781.314), suddivise per area, mostrano una prevalenza di quelle relative alla nascita (gravidanza, sostegno allattamento e puerperio, 35,8% del totale), seguono quelle per la prevenzione oncologica (30,1%) e la ginecologia/andrologia (21,1%). Le prestazioni relative alle problematiche psicologiche e relazionali rappresentano il 4,1% del totale, il controllo della fertilità il 3,8% e quelle riguardanti l'interruzione di gravidanza (certificazioni, colloqui e visite) il 2,3%.
Analizzando le diverse aree di attività in base alla cittadinanza degli utenti risulta che la percentuale degli utenti stranieri è più alta per l'interruzione volontaria della gravidanza (46,9%), per l'area sterilità (48,9%), per l'area nascita (42,2%) e per il controllo della fertilità (29,7%).

 
prestazioni per area di attività - dati SICO 2015utenti per areadi attività in base alla cittadinanza - dati SICO 2015
 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna