1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Sterilizzazione femminile

Sterilizzazione isteroscopica

 

La tecnica isteroscopica, che prevede l'utilizzo di microinserti flessibili nel tratto prossimale delle salpingi, in regime ambulatoriale, Ŕ stata oggetto di ampia revisione critica a seguito di varie segnalazioni di effetti indesiderati a lungo termine (quali dolore, migrazione dei dispositivi e astenia). Anche a seguito di molteplici azioni legali intraprese da singole pazienti o da associazioni, l'azienda produttrice ha sospeso la commercializzazione del prodotto in Europa nel 2017 e lo farÓ negli USA entro la fine del 2018 [1, 2].

Alcuni studi [3,4], hanno valutato sia l'insorgenza di effetti indesiderati tra le donne che si erano sottoposte a sterilizzazione isteroscopica, in particolare dolore pelvico cronico, che le tecniche per la rimozione dei dispositivi e il loro impatto sul miglioramento dei sintomi, con risultati non univoci. Uno studio retrospettivo di coorte condotto in Olanda [4] ha preso in esame le pazienti che tra gennaio 2009 e dicembre 2015 si erano sottoposte a rimozione chirurgica del dispositivo tubarico, con lo scopo di verificare l'efficacia dell'intervento nel breve termine e la scomparsa dei sintomi. Escludendo le pazienti con sospetto di perforazione o migrazione del dispositivo, sono stati dichiarate eligibili 93 donne, che lamentavano in particolare dolore pelvico (69,9%), lombalgia (31,2%), affaticamento (31,2%), o altri sintomi, spesso tra loro associati.

La rimozione dei dispositivi Ŕ avvenuta per via laparoscopica in 90,3% delle pazienti, la salpingectomia bilaterale Ŕ stata eseguita in 66,6% dei casi; al follow-up solo 39,8% delle reclutate ha dichiarato una completa risoluzione dei sintomi dopo la rimozione.
La conclusione dello studio, limitato dal disegno retrospettivo e dalla scarsa numerositÓ del campione, indica che, sulla base delle conoscenze disponibili, non Ŕ possibile al momento formulare una raccomandazione sull'efficacia della rimozione dei dispositivi per la risoluzione dei sintomi nÚ sulla modalitÓ migliore per eseguire di tale rimozione.
╚ in corso uno studio multicentrico olandese che a maggio 2018 aveva giÓ reclutato 1000 pazienti dal quale sarÓ possibile acquisire ulteriori informazioni.

 

Bibliografia

1. Dyer C. UK women launch legal action against Bayer over Essure sterilisation device. BMJ 2018; 360:k271c. [Medline]
2. Dyer O. FDA places "unique" restrictions on contraceptive implant Essure. BMJ 2018; 361:k1650. [Medline] 
3. Arjona Berral JE et al.  Essure« and chronic pelvic pain: A population-based cohort. J Obst Gynaecol 2014;8:712-3. [Medline]
4. Maassen LW et al. Removal of Essure sterilization devices: a retrospective cohort study in the Netherlands. J Minim Invasive Gynecol 2018;pii: S1553-4650(18)31302-5. [Medline]

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna