1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Circoncisione

Epidemiologia

La circoncisione consiste nella rimozione chirurgica, parziale o completa, del prepuzio. È una delle procedure più comuni al mondo [1], eseguita per motivi religiosi o culturali fin dall'antichità: rappresentazioni di questa pratica sono state rinvenute in tombe egizie del 2300 A.C. [2].
Nella tradizione ebraica i neonati vengono circoncisi a otto giorni di vita; in quella musulmana non c'è un'indicazione univoca rispetto all'età: la circoncisione viene generalmente praticata il settimo giorno di vita, ma può essere eseguita anche in seguito, fino alla pubertà. Virtualmente tutti gli uomini di religione ebraica e musulmana vengono circoncisi. Fra i cristiani, la circoncisione è comune fra i copti egiziani e gli ortodossi etiopi. La circoncisione non religiosa, legata a un'identità etnica-culturale, è invece praticata in zone dell'Africa sub-Sahariana, Australia, Filippine, Indonesia e in alcune isole del Pacifico [2]. In questi casi la circoncisione è parte integrante di un rito di passaggio dalla fanciullezza all'età adulta, forte elemento identitario e di accettabilità sociale. 
La prevalenza di circoncisione può variare significativamente all'interno di una nazione in base al gruppo etnico di appartenenza: in Kenya, ad esempio, circa 84% della popolazione maschile è circoncisa; la prevalenza è, però, 17% fra i Luo e 40% fra i Turkana [2]. Negli Stati Uniti d'America la prevalenza risulta essere 91% fra i bianchi, 76% fra gli afroamericani e 44% fra gli ispanici [3]. Inoltre, il livello di scolarizzazione e di benessere socioeconomico correla, generalmente in maniera positiva, con il tasso di circoncisione: in molti paesi la circoncisione è più frequente fra gli uomini più scolarizzati e benestanti [2]. Nei paesi in cui la circoncisione è eseguita per motivi non religiosi la prevalenza può variare nel tempo: nella Repubblica di Corea non era praticamente conosciuta fino al 1945; con l'arrivo delle truppe statunitensi si è diffusa e attualmente riguarda il 90% della popolazione maschile. 
L'Organizzazione mondiale della sanità (World health organization - WHO) stima in 30% la prevalenza globale di uomini circoncisi così distribuiti (vedere anche la Tabella):

per motivi religiosi

  • 100% nella religione ebraica  
  • 100% nella religione musulmana

per motivi non religiosi

  • 90% nelle Filippine
  • 75% negli Stati Uniti d'America
  • percentuali variabili in Africa (da 98% in Madagascar a 14% in Uganda)
  • 60% nella Repubblica di Corea
  • 59% in Australia
  • 30% in Canada
  • 25% in Indonesia
  • 6% nel Regno Unito.
 
Tabella con prevalenza di circoncisione in base al motivo, numeri assoluti e proporzione sul totale
Proporzione e numeri assoluti di uomini di età uguale o superiore a 15 anni circoncisi nel mondo [2] (cliccare sulla figura per ingrandire)
 

Nei paesi in cui la circoncisione non è praticata su base religiosa o come rito di passaggio, come negli USA, la motivazione più frequentemente riportata è l'associazione con una maggiore igiene [2].

 

Bibliografia

1. American Academy of Pediatrics Task Force on Circumcision. Male circumcision. Pediatrics 2012;130:e756-85 [Testo integrale] 
2. World Health Organization and Joint United Nations Programme on HIV/AIDS. Male circumcision-Global trends and determinants of prevalence, safety and acceptability. Geneva 2007 [Testo integrale]
3. Morris BJ, Bailis SA, Wiswell TE. Circumcision rates in the United States: rising or falling? What effect might the new affirmative pediatric policy statement have? Mayo Clin Proc. 2014;89:677-86. [Medline]

 


Data di pubblicazione: 31.05.2019

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna