1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Circoncisione

La legge italiana

La circoncisione rituale o religiosa è oggetto di dibattito, non solo in Italia, dal momento che sono diversi i diritti fondamentali in causa, la cui tutela può apparentemente portare a conflitti. 

L'Assemblea parlamentare del consiglio di Europa nel 2013 ha emanato una risoluzione concernente il diritto del bambino all'integrità fisica, in cui si fa esplicito riferimento alla circoncisione [1]. Una successiva risoluzione, relativa alla libertà di religione, richiama quella sull'integrità fisica dei bambini e raccomanda che la circoncisione religiosa o rituale non venga autorizzata negli stati membri, a meno che non venga praticata da una persona con formazione e abilità necessaria in un contesto che garantisca le opportune condizioni medico-sanitarie. Raccomanda inoltre che i genitori vengano informati di possibili controindicazioni e complicanze e che possano quindi decidere nel miglior interesse del bambino [2].

Un'analisi giuridica, riferita all'Italia, relativa al legame fra circoncisione e diritti fondamentali (diritto di libertà religiosa - art. 19 della Costituzione, diritto all'istruzione e all'educazione dei genitori - art. 30, diritto alla salute e all'integrità fisica dei minori, e libertà di autodeterminazione - art. 32) evidenzia che l'interpretazione dell'art. 32 della Costituzione (la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività) fa riferimento non solo alla salute fisica, ma anche a quella psicologica, relazione e sociale; rispetto a questa impostazione la circoncisione per motivi religiosi e rituali non rappresenta, quindi, una violazione del diritto alla salute [3]. 

In Italia la circoncisione terapeutica su indicazione medica viene praticata a carico del Sistema sanitario nazionale attualmente in regime di ricovero, in base al DPCM LEA del 2008 e del 2017 [4], mentre non rientra nei LEA la circoncisione religiosa e culturale-rituale.

Rispetto a quest'ultima si è espresso il Comitato nazionale per la bioetica (CNB) nel settembre 1998 [6]. La pratica viene ritenuta compatibile con quanto previsto dall'art. 19 della Costituzione (libertà di espressione e di scelta in campo religioso), non lesiva di altri beni-valori costituzionalmente protetti quali la tutela dei minori e della loro salute, e coerente con la libertà di tramandare l'educazione religiosa dei genitori. La circoncisione, inoltre, pur essendo irreversibile non produce, se correttamente effettuata, menomazioni o alterazioni della funzione sessuale o riproduttiva. Quindi, i popoli e le comunità che - per loro specifica cultura - eseguono la circoncisone rituale meritano pieno riconoscimento della legittimità di tale pratica e piena tutela. Per quanto riguarda l'offerta dell'intervento, il CNB ritiene che la circoncisione religiosa o rituale non debba essere a carico dello Stato, ma offerta da medici privati o praticata in strutture pubbliche in regime di attività libero professionale; questo perché lo Stato, per il principio di laicità, non può agevolare e sostenere solo l'interesse di una specifica e determinata confessione religiosa. 

 

Bibliografia

1. Angelucci A. Libertà religiosa e circoncisione in Italia: una questione di specialità confessionale. Stato, Chiese e pluralismo confessionale. Rivista telematica. 35; 2016 [Testo integrale]  
2. Atti del Consiglio d'Europa: Risoluzione. Il diritto dei bambini all'integrità fisica. 01/10/2013 [Testo integrale] 
3. Atti del Consiglio d'Europa: Risoluzione. Libertà di religione e convivenza in una società democratica. 30/09/2015 [Testo integrale] 
4. Decreto del presidente del consiglio dei ministri 12 gennaio 2017. Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, di cui all'articolo 1, comma 7, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502. (17A02015).  (G.U. Serie Generale n. 65 del 18 marzo 2017) [Testo integrale]  
5. Comitato nazionale per la bioetica. Presidenza del Consiglio dei Ministri. La circoncisione: profili bioetici. 25 settembre 1998 [Testo integrale] 


 


Data di pubblicazione: 31.05.2019

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna