1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Influenza in gravidanza

 

I farmaci antivirali sono sicuri in gravidanza?

 

I dati di sicurezza sull'utilizzo di farmaci antivirali inibitori della neuroaminidasi (NAI, neuraminidase inhibitors) in gravidanza sono rassicuranti. Le prove derivanti da studi osservazionali prospettici e retrospettivi, condotti in particolare su oseltamivir [1-3], non dimostrano una variazione statisticamente significativa del rischio di difetti congeniti in generale o di specifici organi e apparati nei neonati di donne esposte ai NAI in gravidanza, indipendentemente dall'epoca gestazionale al momento dell'assunzione. Soltanto uno studio multicentrico caso-controllo su 12.569 neonati rileva una associazione statisticamente significativa tra utilizzo di oseltamivir riferito dalle donne e malrotazione intestinale neonatale (3 casi su 21 esposti e 145 casi su 12.569 non esposti; OR: 10.7; IC 95%: 1.81, 45.2) [2]. L'elevato rischio di recall bias e l'ampio intervallo di confidenza della stima dell'associazione sono elementi di cautela nell'interpretazione di questo risultato.

Gli esiti avversi della gravidanza, quali basso peso alla nascita, basso indice di Apgar, parto prematuro, mortalitÓ perinatale e morbositÓ neonatale, non sono stati osservati in misura statisticamente differente nelle gravidanze di donne trattate rispetto alle donne non trattate con NAI [1, 4].

 
 
 


Data di pubblicazione: 03.03.2020

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna