1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

CoVID-19 in gravidanza, parto e puerperio

 

Efficacia dei cortisonici

 

In breve
I cortisonici sono associati a un minore rischio di morte quando utilizzati in pazienti adulti ricoverati per CoVID-19 che necessitano di terapia con ossigeno.


 

Sulla base di 5 trial controllati randomizzati (RCT), l'indirizzo terapeutico dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Ŕ di raccomandare l'uso dei corticosteroidi nei soggetti ricoverati con malattia COVID-19 grave che necessitano di supplementazione di ossigeno, in presenza o meno di ventilazione meccanica (invasiva o non invasiva). In pazienti con queste caratteristiche l'uso dei corticosteroidi dovrebbe essere considerato uno standard di cura in quanto Ŕ l'unico trattamento che ha dimostrato un beneficio in termini di riduzione della mortalitÓ. Per quanto riguarda la tipologia di corticosteroidi, le prove di efficacia pi¨ affidabili sono quelle su desametasone [1].    

Queste indicazioni sono coerenti con gli ultimi aggiornamenti di altre importanti agenzie di salute e societÓ scientifiche; in ordine temporale Infectious Disease Society of America (IDSA, 25.06.20), World Health Organization (WHO, 02.09.20), European Medicine Agency (EMA, 18.09.20), National Institute of Health Centre for Communicable Disease Control (NIH-CDC,03.11.2020).

La revisione sistematica (RS) rapida condotta da WHO, che sintetizza i dati di 7 RCT relativi a 1703 pazienti ricoverati e gravi trattati con corticosteroidi (678 pazienti) o placebo (1025 pazienti), riporta le seguenti stime di efficacia:     

  • mortalitÓ per tutte le cause a 28 giorni dalla randomizzazione: 222 morti nel gruppo trattamento e 425 nel gruppo placebo; OR: 0.66 (IC95%: 0.53, 0.82)
  • evento avverso grave (sulla base della definizione del ricercatore) 64 eventi avversi gravi nel gruppo trattamento e 80 nel gruppo placebo (non si procede alla metanalisi a causa della non omogeneitÓ di definizioni utilizzate, ma gli autori riferiscono che non si evidenzia un eccesso di effetti avversi nel gruppo trattamento, tranne che in due trial pi¨ piccoli in cui si registrano rispettivamente 1 e 3 casi avversi).


Per quanto riguarda eventuali effetti avversi dell'uso dei cortisonici per la maturazione polmonare fetale in donne in gravidanza con eventuale CoVID-19, la versione aggiornata delle raccomandazioni del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists continua a essere cauta [3]: si afferma infatti che la terapia con corticosteroidi Ŕ efficace in caso di minaccia di parto pretermine, che non ci sono prove che l'uso di cortisonici possa nuocere in caso di CoVID-19, ma, allo stesso modo, non ci sono prove della sicurezza di questo trattamento.
La stessa linea guida raccomanda, in caso di donna in gravidanza con patologia da CoVID-19 che necessiti di ossigeno, la terapia con corticosteroidi [3].

 

Bibliografia

1. Agenzia Italiana del Farmaco-AIFA. Corticosteroidi nella terapia dei pazienti adulti con COVID-19. Prima pubblicazione: 6 ottobre 2020 [Testo integrale]
2. WHO Rapid Evidence Appraisal for COVID-19 Therapies (REACT) Working Group, Sterne JAC et al. Association between administration of systemic corticosteroids and mortality among critically ill patients with COVID-19: a meta-analysis. JAMA 2020;324:1330-41 [Medline]
3. Royal College of Obstetricians and Gynaecologists. Coronavirus (COVID-19) infection in pregnancy. Versione 12 del 14 ottobre 2020. [Testo integrale]

Data di pubblicazione: 16.11.2020

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna