1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Interruzione volontaria di gravidanza in Italia

Dati epidemiologici

 

Nel 2020, la relazione del Ministro della salute sull'attuazione della Legge 194/78 per la tutela sociale della maternitÓ e l'interruzione volontaria di gravidanza (IVG) contenente i dati dell'anno 2018 [1] riferisce che:

  • in totale sono state notificate 76.328 IVG, confermando il continuo andamento in diminuzione (-5.5% rispetto al 2017). Il valore Ŕ pi¨ che dimezzato rispetto al 1983 - anno in cui si Ŕ registrato il picco di IVG in Italia con 234.801 casi;
  • il tasso di abortivitÓ (numero di IVG rispetto a 1.000 donne di etÓ 15-49 anni residenti in Italia) Ŕ pari a 6/1.000, con una riduzione del 4.0% rispetto al 2017 e del 65.1% rispetto al 1982. Il dato italiano Ŕ tra i valori pi¨ bassi a livello internazionale;
  • il rapporto di abortivitÓ (numero di IVG rispetto a 1.000 nati vivi) Ŕ pari a 173.8/1.000 nati vivi nel 2018 (17.4 per 100 nati vivi), con una riduzione di 1.9% rispetto al 2017 e di 54.3% rispetto al 1982. La lettura dei dati relativi al rapporto di abortivitÓ nel tempo deve tener conto del persistente calo della natalitÓ in Italia;
  • l'IVG Ŕ diminuita in tutte le aree geografiche italiane;
  • il ricorso all'IVG Ŕ diminuito in tutte le classi di etÓ, in particolare tra le giovanissime. Si conferma il minore ricorso all'IVG tra le giovani rispetto ad altri paesi dell'Europa occidentale;
  • dopo un aumento importante nel tempo, le IVG tra le donne straniere negli ultimi anni hanno mostrato una tendenza alla diminuzione e rappresentano il 30.3% del totale;
  • continua ad aumentare la percentuale di interventi effettuati precocemente: il 50.9% degli interventi Ŕ stato effettuato entro le 8 settimane di gestazione;
  • la procedura d'urgenza Ŕ scelta nel 21.3% dei casi con una tendenza in aumento;
  • per il rilascio del documento/certificazione necessari alla richiesta di IVG il servizio utilizzato nel 44.1% dei casi Ŕ il consultorio familiare;
  • Ŕ in aumento l'uso dell'aborto farmacologico che Ŕ stato adoperato nel 24.2% dei casi con ampia variabilitÓ regionale;
  • sono in diminuzione i tempi di attesa tra rilascio della certificazione e intervento: entro 14 giorni dal rilascio del documento viene effettuato il 70.2% delle IVG;á
  • ha presentato obiezione di coscienza il 69% dei ginecologi, il 46.3% degli anestesisti e il 42.2% del personale non medico, valori in leggero aumento che presentano ampie variazioni regionali. Un'analisi dell'impatto di tali percentuali sulla disponibilitÓ del servizio e sul carico di lavoro degli operatori non obiettori ha evidenziato che la numerositÓ dei punti IVG appare pi¨ che adeguata rispetto al numero delle IVG effettuate.
 

I dati contenuti nella relazione ministeriale sono declinati a livello regionale [2]; accesso diretto ai dati raccolti e inviati dalle regioni Ŕ possibile tramite il sito dell'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) [3].
L'importante ruolo del consultorio nella prevenzione dell'IVG e il supporto alle donne che decidono di interrompere la gravidanza Ŕ stato evidenziato anche dalla recente indagine promossa dal Ministero della salute (Progetto CCM Azioni centrali 2017) e coordinata dall'Istituto superiore di sanitÓ (ISS) [4].

 

Bibliografia

1. Relazione del Ministro della Salute sulla attuazione della legge contenente norme per la tutela sociale della maternitÓ e per l'interruzione volontaria di gravidanza (legge 194/78). Dati 2018 [Testo integrale]
2. Relazione del Ministro della Salute sulla attuazione della legge contenente norme per la tutela sociale della maternitÓ e per l'interruzione volontaria di gravidanza (legge 194/78). Dati 2018 - Tabelle regionali [Testo integrale]
3. ISTAT. Salute e sanitÓ. Salute riproduttiva della donna [Sito web]
4. Ministero della Salute. Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie. CCM Programma 2017 [Testo integrale]

Data di pubblicazione: 22.06.2021

 
 
  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna