1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Menu

Menu

Contenuto della pagina Versione stampabile della pagina

Bilanci di salute pediatrici

Rapporto dati 2020

 

Il quinto rapporto sui bilanci di salute (BdS) pediatrici presenta i dati raccolti dai pediatri e dalle pediatre di libera scelta (pls) dell'Emilia-Romagna nel 2020, primo anno della pandemia da Covid-19. Si riportano di seguito alcuni dei dati più significativi.

Copertura
La copertura media regionale dei BdS è passata da 72% nel 2019 a 66% nel 2020; verosimilmente questo calo è dovuto al minor accesso agli ambulatori pediatrici per le restrizioni legate alla pandemia. La riduzione è contenuta per i bilanci del primo anno (-1% al primo, -1% al secondo, -4% al terzo BdS), mentre diventa più evidente nei successivi (-7% al quarto, -10% al quinto, -12% al sesto, -7% al settimo).
Come già rilevato nei precedenti report c'è una differenza nell'accesso ai bilanci in base alla nazionalità dei genitori: la copertura è lievemente superiore nei figli/figlie di genitori stranieri al primo e secondo BdS, mentre nei restanti bilanci si registra una maggiore copertura nella popolazione italiana, con differenze sempre superiori a dieci punti percentuali.

 
Figura: percentuale di compilazione dei BdS, valore regionale 2020, in base alla nazionalità degli assistiti
Figura: percentuale di compilazione dei BdS, valore regionale 2020, in base alla nazionalità degli assistiti [cliccare per ingrandire]
 
 

Stato lavorativo della madre
Risultano lavorare prima del parto 69% delle donne, più spesso le italiane (81%) che le straniere (da 14% a 62% a seconda dell'area geografica di provenienza).
Per quanto riguarda la ripresa dell'attività lavorativa dopo il parto, a 2-3 mesi lavora il 4% delle madri e a 4-5 mesi l'11%. Una ripresa più consistente, ma inferiore a quella degli anni passati, è presente a partire dal primo anno di vita della prole (terzo BdS, 10-11 mesi) con un tasso medio regionale pari a 42% (era 47% nel 2019): sulla base di questi dati sembra che ci sia stato un impatto negativo della pandemia di CoVID-19 sull'occupazione femminile.

Servizi educativi e scuola dell'infanzia
Frequenta il nido 14% dei bambini/bambine di 10-11 mesi e 44% di quelli di 2 anni, in calo rispetto al 2019 (rispettivamente erano 16% e 50%): è possibile che la diversa organizzazione delle famiglie durante la pandemia o i timori legati al contagio abbiano contribuito a questa riduzione.
Anche la percentuale di bambine/bambini che frequentano la scuola materna si è ridotta: 80% a 33-39 mesi (era 84% nel 2019), 93% a 5-6 anni (era 96% nel 2019).
Si conferma il minore accesso ai servizi educativi per l'infanzia della prole di genitori stranieri rispetto a quella di genitori italiani, con un divario che si riduce, ma non si colma, a 5 anni di età (vedi Figura).

 
Figura. Frequenza dei servizi educativi 0-6 anni differenziati in base alla nazionalità dei bambini e delle bambine, 2020
Figura. Frequenza dei servizi educativi 0-6 anni differenziati in base alla nazionalità dei bambini e delle bambine, 2020 [cliccare per ingrandire]
 
 

Crescita staturo-ponderale
A 3 anni di età 9% e 2% dei bambini/bambine della regione risultano rispettivamente in sovrappeso e con obesità (in lieve aumento rispetto ai dati 2019). La frequenza di sovrappeso e obesità aumenta con l'età: 12% e 6% rispettivamente a 5-6 anni di vita e 22% e 6% a 11-12 anni di vita. È possibile che le restrizioni al movimento associate alla pandemia di CoVID-19 siano alla base dell'aumento rilevato nei due indicatori e nelle diverse età.

Stili di vita
Trascorrono più di due ore davanti agli schermi 28% dei bambini/bambine di 5-6 anni e 38% degli/delle adolescenti a 11-12 anni di età (erano 25% e 31% rispettivamente nel 2019): l'aumento osservato è probabilmente da mettere in relazione alle restrizioni al movimento dovute alla CoVID-19. Riferiscono di non praticare alcuna attività fisica, né libera (sesto BdS) né strutturata (settimo BdS) 9% dei bambini/bambine (erano 10% nel 2019) e 14% degli/delle adolescenti (erano 11% nel 2019). Si conferma anche per il 2020 un divario significativo fra popolazione italiana e straniera, con maggiore frequenza di scarso movimento in quella straniera.

Figura. Scarsa adesione alle raccomandazioni sugli stili di vita (tempo davanti allo schermo e attività fisica) distinti per cittadinanza, 2020
Figura. Scarsa adesione alle raccomandazioni sugli stili di vita (tempo davanti allo schermo e attività fisica) distinti per cittadinanza, 2020 [Cliccare per ingrandire]
 
 

Pur con le limitazioni di un sistema di raccolta dati che non raggiunge la totalità della popolazione pediatrica regionale e che va comunque perfezionato nella definizione delle variabili da monitorare, sembra che le variazioni rilevate nel 2020, in concomitanza con la prima e la seconda ondata di pandemia da SARS-CoV-2, siano coerenti con quanto descritto in letteratura e con quanto prevedibile: le informazioni derivanti dai BdS possono quindi essere ritenute affidabili, sensibili ai cambiamenti esterni e possono essere utilizzate per  indirizzare le politiche socio-sanitarie necessarie a garantire il migliore stato di benessere della popolazione pediatrica assistita in regione Emilia-Romagna.

 

Bibliografia

1. Di Mario S et al.  Bilanci di salute pediatrici. Dati 2020. Bologna. Novembre 2021.

 
 
 

Data di pubblicazione: 10.11.2021

  1. SaperiDoc
Direzione generale cura della persona, salute e welfare
Via Aldo Moro 21, Bologna