Testata per la stampa

Mutamenti e trends

L'Unicef ha rilevato che la pratica delle MGF Ŕ nel complesso diminuita negli ultimi tre decenni. Nei 31 paesi con dati di prevalenza rappresentativi a livello nazionale, circa 1 su 3 ragazze di etÓ compresa tra 15 e 19 anni oggi ha subito la pratica contro 1 su 2 nel 1990. Tuttavia, non tutti i paesi hanno compiuto progressi e il ritmo della diminuzione Ŕ stato irregolare. Il progressivo calo delle MGF tra le ragazze di etÓ compresa tra 15 e 19 anni si Ŕ verificato in paesi con diversi livelli di prevalenza di MGF, tra cui Burkina Faso, Egitto, Kenya, Liberia e Togo.

L'UNFPA (United Nation Population Fund), che si avvale di dati provenienti da sondaggi condotti in 24 paesi e di analisi statistiche, conferma che sono stati compiuti progressi significativi e la pratica Ŕ in diminuzione nella maggior parte dei paesi in cui Ŕ prevalente. Tuttavia, questi progressi non sono sufficienti per raggiungere il target dell'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile di eliminare la pratica entro il 2030. La maggior parte di questi paesi presenta un tasso di crescita demografico elevato, il che significa che il numero di ragazze sottoposte a MGF continuerÓ a crescere se la pratica continua ai livelli attuali. Se gli sforzi per porre fine alle MGF rimangono gli stessi, il numero di ragazze a rischio aumenterÓ da 4,3 milioni nel 2023 a 4,6 milioni entro il 2030 ("UNFPA Technical Brief").

Nel 2021 in 31 Paesi con dati rappresentativi a livello nazionale, il 34% delle ragazze adolescenti di etÓ compresa tra i 15 e i 19 anni ha subito una qualche forma di MGF, rispetto al 41% del 2011. Tuttavia, in alcuni paesi, le mutilazioni genitali femminili sono ancora quasi universali, con circa il 90% delle ragazze a Gibuti, Guinea, Mali e Somalia. In circa la metÓ dei paesi, le MGF sono eseguite in etÓ sempre pi¨ giovane, riducendo le possibilitÓ di intervenire (dati su OnuItalia.com).

Le MGF infatti rimangono molto diffuse in Nigeria e stanno aumentando fra le ragazze nigeriane da 0 a 14 anni. Secondo i dati del Nigeria Demographic and Health Survey, i casi sono aumentati dal 16,9% del 2013 al 19,2% nel 2018. Con un numero stimato di 19,9 milioni di sopravvissute, in Nigeria si registra il terzo numero pi¨ elevato di donne che sono state sottoposte a mutilazioni genitali femminili nel mondo.

 
Consulta una revisione degli studi che esaminano l'effetto degli interventi per abbandonare le mutilazioni genitali femminili in Africa CMI Report 2020

Leggi lo studio che ha esaminato i fattori socioeconomici e demografici associati alle MGF tra le donne e le loro figlie nell'Africa sub-sahariana. I risultati rivelano che l'indice di ricchezza, il grado di istruzione e l'etÓ delle madri, il contesto (urbano o rurale), l'esposizione mediatica sono fattori che incidono sulle MGF.
Ahinkorah BO, Hagan JE, Ameyaw EK et al. Socio-economic and demographic determinants of female genital mutilation in sub-Saharan Africa: analysis of data from demographic and health surveys. Reprod Health. 2020;17,162



Approfondimenti

La chiusura delle scuole, i lockdown e l'interruzione dei servizi che proteggono le bambine hanno esposto milioni di persone in tutto il mondo a maggior rischio di subire MGF. Ci˛ significa che altri due milioni di ragazze potrebbero essere colpite entro il 2030, secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per l'infanzia, l'UNICEF, con una conseguente riduzione del 33% degli sforzi globali verso l'eradicazione. United Nations. Pandemic threatens push to end Female Genital Mutilation. 2022

Esho T, Matanda DJ, Abuya T et al. The perceived effects of COVID-19 pandemic on female genital mutilation/cutting and child or forced marriages in Kenya, Uganda, Ethiopia and Senegal. BMC Public Health. 2022;22, 601

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito